Le aziende cercano di riaprire per limitare danni economici

Le aziende cercano di riaprire per limitare danni economici
Diritti d'autore free picture
Diritti d'autore free picture
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dalla Daimler, a Fincantieri i gruppi europei pensano alla fasedue del contagio e a come poter ripartire

PUBBLICITÀ

Dopo circa un mese di stop Daimler riapre il proprio stabilimento a Rastatt, in Germania. E' uno dei più importanti per il gruppo. All'ingresso venegono distribuite mascherine. Gli operai, molti dei quali specializzati, sono contenti di tornare al lavoro.

Dice un operaio: "Finalmente la vita riprende. Spero che non ci saranno rischi e che tutti stiano bene. Siamo felici che la produzione riprenda e di poter tornare in fabbrica".

Nell'azienda si tengono anche corsi per affrontare eventuali emergenze con personale specalizzato e tutti gli operai sono tenuti a frquentarli per spare come comportarsi e come otemperare alle nuove disposizioni del ministero della sanità per limitare al minimo i rischi di contagio.

Anche l'italiana Fincantieri sta facendo passi verso una riapertura. Per ora solo il 10% della sua forza lavoro è tornato in fabbrica. A Trieste gli stabilimenti cominciano lentamente a rianimarci anche se termoscanner e controlli di con il termometro ai varchi sono ormai una cosa abbastanza normale.

La Ferrari invece, ha lanciato un programma e una app fra i suoi dipendenti, col fine di tracciare le persone che possono essere infette. La tecnologia Ferrari è guardata con interesse da centinaia di aziende che sperano di riaprire quanto prima.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Quanto sono istruiti finanziariamente gli europei? Non proprio, a quanto pare, ma chi ne sa di più?

Ecco perché l'economia tedesca ha più difficoltà delle altre in Europa

L'impatto degli attacchi ucraini sulle raffinerie di petrolio della Russia