EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Brexit: Honda chiude nel Regno Unito

Brexit: Honda chiude nel Regno Unito
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A rischio 3500 posti di lavoro dal 2022

PUBBLICITÀ

Nuovi mal di testa post Brexit per Theresa May. Honda decide di chiudere entro il 2022 il suo stabilimento di Swinton. Potebbe costare il posto a 3500 persone. Lo stabilimento produce la Civic, una delle utilitarie di punta dellla casa nipponica.

La causa sarebbe il probabile aumento esponenziale dei tempi di consegna dei pezzi per l'assemblaggio nel Regno Unito. Nell'ambito del mercato comune infatti, un pezzo potrebbe necessitare due settimane per arrivare sulla piattaforma e la stessa cosa potrebbe accadere per l'auto che raggiunge il concessionario. Il motivo sono i controlli alle frontiere visto che, con Londra fuori dall'Unione Europea, ci sarebbero infiniti controlli in più per merci che passerebero dal continente verso l'isola e viceversa. In un mercato competitivo come quello odierno dovve la velocità di reazione di un'azienda è fondamentale, Honda non intende regalare un vantaggio del genere alla concorrenza.

All'inizio del mese la Nissan aveva provocto stupore affermando di non voler più produrre il modello X-trail nello stabilimento di Sunderland. oluzioni da lacrime e sangue aveva annunciato il gruppo Airbus e il gigante Sony ha affermato di voler trasferire la sua sede nei paesi bassi in caso di uscita di Londra dall'unione. Per finire anche la Jaguar ha annunciato la soppressione di 4500 posti, ovvero il 10% dei suoi effettivi. Ford ha annunciato una ristrutturazione mandando a casa 1000 lavoratori.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tesla: assemblea azionisti dà ok a maxi compenso di Elon Musk da 52 miliardi di euro

Cina, dazi Ue su auto elettriche è "protezionismo": toni da guerra commerciale da Pechino all'Europa

L'azienda energetica tedesca Uniper ha annullato i contratti con Gazprom