Prima settimana 2016 da incubo per le Borse mondiali. Piazza Affari giù del 7,23%

Prima settimana 2016 da incubo per le Borse mondiali. Piazza Affari giù del 7,23%
Diritti d'autore 
Di Alfredo Ranavolo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

I listini cinesi hanno perso oltre il 10 per cento. Capitali in fuga dall'Asia, ma non prendono la via dell'Europa.

PUBBLICITÀ

Piazza Affari fallisce il recupero anche nell’ultima giornata di contrattazioni. Di nuovo in rosso, dopo un’apertura incerta. Chiusa una pesantissima prima settimana dell’anno. Il Ftse Mib ha ceduto l’1,58% nella seduta, che porta il calo dell’indice al 7,23% rispetto a otto giorni fa.

Peggiori titoli in gran parte bancari. Interrotti nelle prime posizioni solo da Carraro (-16,62%) in seconda. La palma del più venduto spetta a Carige (-18,60%), seguito da Monte dei Paschi di Siena (-15,90%) e Banca Mediolanum (-15,49%). Male anche la galassia Fiat.

Poco consola che il Dax tedesco abbia fatto ancor peggio, perdendo l’8,32% in cinque sedute. Orizzonte nel quale un vero e proprio crollo hanno subito i listini cinesi, che hanno dettato il “mood” settimanale dei mercati globali.

Che “sono ancora sotto pressione – secondo Francis Lun, amministratore delegato di Geo securities limited – perché i fondamentali non sono cambiati. La crescita economica cinese sta rallentando, gli indicatori economici ne sono la prova. C‘è inoltre una fuga di capitali dall’Asia”.

Dopo il blocco alle contrattazioni per eccesso di ribasso dei giorni scorsi, oggi Shanghai ha chiuso con un rimbalzo dell’1,97 per cento, Shenzhen dell’1,05 per cento. Ma, su base settimanale, in entrambi i casi siamo di fronte a cali abbondantemente al di sopra della doppia cifra.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Quanto sono istruiti finanziariamente gli europei? Non proprio, a quanto pare, ma chi ne sa di più?

Ecco perché l'economia tedesca ha più difficoltà delle altre in Europa

L'impatto degli attacchi ucraini sulle raffinerie di petrolio della Russia