This content is not available in your region

Kharkiv, colpita la cucina comunitaria dello chef José Andrés. I volontari non si fermano

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
Bombardamenti a Kharkiv
Bombardamenti a Kharkiv   -   Diritti d'autore  Felipe Dana/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

Persone in fuga da un edificio in fiamme e tra le macerie. I bombardamenti russi a Kharkiv hanno colpito anche una cucina comunitaria allestita da World Central Kitchen, l’Ong fondata nel 2010 dal famoso chef spagnolo José Andrés. L’organizzazione stabilisce sistemi di alimentazione nelle zone di guerra e disastri.

I membri dello staff sono rimasti illesi ma secondo quanto riportato dal sindaco della città ucraina, Ihor Terekhov, i raid di sabato hanno fatto almeno tre morti e oltre 30 feriti tra i civili.

"Stavamo preparando il pane e il pranzo quando l'esplosione ha scosso i muri. Siamo corsi tutti fuori, racconta Genadiy Vlasov, volontario presso il centro dell’Ong. L'esplosione è stata così forte che all'inizio non capivamo cosa stesse succedendo. Quando i muri hanno iniziato a tremare abbiamo capito che dovevamo uscire fuori.”

Tutti i membri della cucina comunitaria sono riusciti a salvarsi ma nell’attacco c’è chi ha perso la vita. Nonostante morte e distruzione i volontari non si arrendono.

Dmytro Kamykin, è il responsabile del servizio di consegna cibo. "Abbiamo altri due locali dove poter cucinare. Forse questi non sono crollati. Non ci chiuderemo in casa, continueremo con il nostro lavoro. Non abbiamo più un’auto per le consegne dei pasti ma io ho una biciletta e mi sposterò con quella. Continueremo a preparare pranzi caldi. “

L'organizzazione World Central Kitchen è presente in 30 città dell’Ucraina e fornisce ogni giorno 300.000 pasti. Secondo lo chef Andrés, ideatore dell’organizzazione, aiutare la gente dando loro aiuti alimentari, nel mezzo di una guerra, è “un atto di grande coraggio, resilienza e resistenza.