Ungheria: manifestazioni contro presidente Novák per grazia concessa in un caso di abusi su minori

La presidente ungherese Novak è stata travolta da uno scandalo per la grazia concessa in un caso di abusi su minori
La presidente ungherese Novak è stata travolta da uno scandalo per la grazia concessa in un caso di abusi su minori Diritti d'autore Associated Press
Di Maria Michela D'Alessandro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La grazia concessa all'uomo potrebbe costare a Katalin Novák, presidente dell'Ungheria, le dimissioni. Organizzata una manifestazione di protesta davanti al ministero dell'Interno

PUBBLICITÀ

Aumentano le pressioni su Katalin Novák, presidente dell'Ungheria, dopo aver concesso la grazia a un uomo condannato come complice in un caso di abusi sessuali su minori. Venerdì 9 febbraio un gruppo di manifestanti si sono ritrovati davanti al Ministero dell'Interno per chiedere le dimissioni della presidente al momento in Qatar per i Campionati mondiali di nuoto. 

Il caso giudiziario

All'inizio di febbraio è emerso che il capo di Stato ha graziato una persona condannata in relazione a un caso di abusi su minori risalente alla primavera del 2023

Il protagonista della grazia è il vicedirettore di un istituto di assistenza all’infanzia di Bicske, a circa 35 chilometri a ovest di Budapest. L’uomo era stato condannato a più di tre anni di reclusione nel 2018 per aver tentato di convincere alcuni minori vittime di abusi sessuali a ritrattare l’accusa. Le violenze erano state commesse dal direttore dell’istituto, condannato a otto anni di reclusione per abusi su almeno dieci bambini tra il 2004 e il 2016.

Orbán: Non ci può essere grazia per i pedofili, è la mia personale convinzione

Dopo lo scandalo che ha investito Novák, l'8 febbraio Viktor Orbán ha presentato un disegno di legge di modifica costituzionale per rendere inattuabile riconoscere la grazia a chi ha commesso reati di violenza contro i minori. 

“Non ci può essere grazia per i pedofili, è la mia personale convinzione”, ha detto Orbán in un messaggio su Facebook. Il tentativo del premier di tamponare la situazione non ha però placato le polemiche.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna, il consumo di contenuti pornografici aumenta tra i minori: il governo corre ai ripari

Abusi sessuali sui minori, petizione al Parlamento europeo per norme più stringenti

Abusi sessuali sui minori: il Parlamento europeo cerca l'equilibrio fra protezione e privacy