A Gaza è in corso una carneficina e l'accordo per il cessate il fuoco è ancora lontano

Militari israeliani a Gaza
Militari israeliani a Gaza Diritti d'autore AP screenshot video
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In 48 ore sono stati 234 i palestinesi uccisi negli attacchi aerei israeliani a Gaza. Il segretario di Stato Usa Blinken nella regione per negoziare un accordo

PUBBLICITÀ

Quarantotto ore letali nella Striscia di GazaTra sabato e domenica gli attacchi aerei israeliani su Gaza, Khan Younis, Deir al-Balah  e in parte Rafah hanno ucciso almeno 234 palestinesi e ne hanno ferito altri 343, ha dichiarato l'agenzia umanitaria delle Nazioni Unite Ocha. Il numero totale di palestinesi uccisi nell'enclave assediata è di oltre 27.300 dal 7 ottobre.

Timori di un'escalation a Rafah dove ci sono gli sfollati

Crescono i timori per l'escalation nella città meridionale di Rafah, l'area più meridionale del territorio vicino al confine con l'Egitto che ospita più della metà dei 2,3 milioni di abitanti di Gaza.

"C'è il timore che l'operazione militare si estenda fino a raggiungere il governatorato di Rafah, non lasciando assolutamente nessun posto dove andare per la stragrande maggioranza della popolazione sfollata", ha dichiarato Hisham Mhanna, portavoce del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) di stanza a Rafah.

Blinken nella regione, Séjourné in Egitto

Il segretario di Stato statunitense, Antony Blinken, è nella regione per il suo quinto viaggio da quando Hamas ha attaccato Israele il 7 ottobre, uccidendo almeno 1.200 persone e prendendone circa 250 in ostaggio.

Blinken dovrebbe fare tappa in Arabia Saudita, Egitto, Qatar, Israele e Cisgiordania per mediare un accordo, che garantisca la libertà di almeno 136 ostaggi rimasti a Gaza, e il cessate il fuoco, destinato a calmare le tensioni regionali, in particolare nel Mar Rosso.

Nel frattempo il suo omologo francese, Stéphane Séjourné, si è recato in Egitto e ha dichiarato in una conferenza stampa che la Francia è a favore di un cessate il fuoco e di una soluzione politica per Gaza.

Stiamo lavorando per un cessate il fuoco, ma dobbiamo anche preparare il ritorno dell'Autorità Palestinese a Gaza con una governance rinnovata
Stéphane Séjourné
ministro degli Esteri francese

La sua legittimità dipenderà anche dall'effettivo rispetto delle sue prerogative, in particolare da parte degli israeliani. Infine, dipenderà dalla sua capacità di ottenere risultati tangibili per la sicurezza e la vita quotidiana dei palestinesi e per il riconoscimento dei loro diritti politici".

Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry, a destra, e il suo omologo francese Stéphane Séjourné parlare durante una conferenza stampa al Cairo
Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry, a destra, e il suo omologo francese Stéphane Séjourné parlare durante una conferenza stampa al CairoAmr Nabil/Copyright 2024 The AP. All rights reserved

Le pressioni su Netanyahu da destra e sinistra

L'accordo sembra però lontano. Nell'ultima settimana sono state esercitate pressioni sul primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu da parte delle forze di destra del governo. Itamar Ben-Gvir, ministro della Sicurezza nazionale di Israele, e Bezalel Smotrich, il ministro delle Finanze, hanno minacciato di lasciare l'esecutivo se Netanyahu dovesse accettare un accordo che dicono sfavorevole a Israele, con la previsione del rilascio di migliaia di detenuti palestinesi dalle carceri israeliane.

Netanyahu subisce anche le pressioni dell'opposizione di Benny Gantz, che si è unito al governo di emergenza nazionale. Lui e il suo partito non fanno parte della coalizione e Gantz dice che, se Netanyahu continuerà a dare ascolto alla destra, lascerà l'esecutivo.
Ancor più delusi i parenti degli ostaggi che hanno, a più riprese, chiesto un intervento diretto al rilascio dei loro cari nelle mani di Hamas.

Dall'opposizione, Yair Lapid si è dichiarato pronto a intervenire per offrire a Netanyahu una rete di sicurezza se significa accettare un accordo che riporti a casa gli ostaggi da Gaza.

Un accordo difficile per il cessate il fuoco

Una bozza di accordo, presentato dagli Stati Uniti e dai mediatori del governo del Qatar, garantirebbe una tregua iniziale di trenta giorni nei combattimenti: un lasso di tempo per la negoziazione e il rilascio degli ostaggi, in via prioritaria donne, anziani e malati. In caso di esito positivo, lo stop alle ostilità proseguirebbe per altri trenta giorni per negoziare la liberazione degli uomini.

La struttura dell'accordo è intesa a consentire colloqui per una fine permanente o almeno a lungo termine dei combattimenti. Il consigliere per la sicurezza nazionale di Biden, Jake Sullivan, ha detto al notiziario della Cbc Face the Nation che "la palla è nel campo di Hamas in questo momento".

Osama Hamdan, un membro del politburo di Hamas, ha dichiarato in una conferenza stampa a Beirut sabato sera che il gruppo sta riflettendo sull'accordo proposto, ma che la sua priorità resta quella del ritiro completo delle forze israeliane da Gaza, una richiesta che Netanyahu ha respinto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: risposta "negativa" di Hamas sulla tregua, morti 31 ostaggi conferma Israele

L'Idf consegna alle autorità di Gaza i corpi di 80 palestinesi uccisi trattenuti in Israele

Israele: blitz di militari travestiti a Jenin, carri armati nell'ospedale di Khan Younis