EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ue e Ungheria: stallo sui 50 miliardi di aiuti all'Ucraina, un morto ad Avdiivka

Palazzo ucraino colpito da un attacco russo
Palazzo ucraino colpito da un attacco russo Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli ambasciatori dei 27 stati membri non hanno raggiunto un accordo per sbloccare i 50 miliardi di aiuti a Kiev, mentre continuano gli attacchi russi. Una donna è rimasta uccisa nel Donetsk. Zelensky ha annunciato che il Paese deve aumentare la produzione di droni

PUBBLICITÀ

Per ora si è conclusa con un nulla di fatto la riunione degli ambasciatori dei 27 in vista del Consiglio europeo straordinario sulla revisione del bilancio comune e sul finanziamento da 50 miliardi all'Ucraina. La situazione resta "difficile e relativamente tesa" e l'incontro dei Rappresentanti permanenti (Coreper II) è stato aggiornato a mercoledì mattina.

I negoziati con l'Ungheria continuano mentre Budapest ha spiegato di essere pronta a lavorare in maniera costruttiva e a trovare una soluzione accettabile a 27 all'interno della revisione del bilancio. Gli Stati membri hanno richiamato la loro volontà a trovare una soluzione condivisa e la maggior parte ha sottolineato la necessità che anche una soluzione a 26 sia percorribile. 

La presidenza belga, nel corso della riunione, ha presentato agli ambasciatori dei 27 una ristretto pacchetto di possibili conclusioni sul sostegno militare all'Ucraina.

Il sostegno degli Stati Uniti alla resistenza ucraina

"Senza gli aiuti deli Stati Uniti i progressi dell'Ucraina sono a rischio", ha avvertito. il segretario di stato Antony Blinken nel corso di una conferenza stampa con il segretario della Nato. Jens Stoltenberg incontrerà domani i membri del Congresso, dove gli aiuti sono bloccati.

"Le porte della Nato sono aperte, restano aperte, anche per l'Ucraina, che diventerà membro della Nato", ha aggiunto Blinken, senza comunque indicare come e quando potrebbe accadere.

Le esportazionidi armi statunitensi sono aumentate del 50 per cento nel 2023 a 81 miliardi di dollari in seguito al balzo della domanda dopo l'invasione dell'Ucraina da parte delle Russia.

L'amministrazione Biden sta lavorando per rallentare le vendite di armi russe all'estero nell'ambito degli sforzi per isolare Mosca e indebolire le sue forze contro l'Ucraina. La Russia è stata per decenni il secondo esportatore di armi al mondo dopo gli Stati Uniti ma il suo ruolo è ora in difficoltà con la guerra in Ucraina che sta assorbendo la sua capacità industriale di produrre.

Nuovi attacchi russi sul territorio ucraino: morta una donna

Una donna di 59 anni è morta ieri ad Avdiivka, nella regione ucraina di Donetsk, a causa di bombardamenti russi: lo ha reso noto la portavoce della Procura regionale, Anastasia Medvedieva. 

"Verso le 14:00, le truppe russe hanno nuovamente attaccato Avdiivka, probabilmente con l'artiglieria. Una donna di 59 anni è stata ferita da una scheggia a causa dei proiettili che hanno colpito il territorio di un'abitazione privata", ha detto Medvedieva. 

La donna, ha aggiunto, è stata ricoverata in ospedale ma è morta a causa delle ferite riportate.

Le esplosioni sono state udite nella notte anche nella regione di Kiev: lo ha reso noto su Telegram l'amministrazione militare regionale. "E stato rilevato il movimento di droni nemici. Le forze di difesa aerea stanno operando nella regione", si legge nel messaggio. Le esplosioni sono state udite a Bila Tserkva, una città a circa 87 km a sud della capitale Ucraina.

La controffensiva ucraina con 21 droni

Il Ministero della Difesa russo sostiene che i sistemi di difesa aerea in servizio nella notte del 30 gennaio hanno distrutto e intercettato 21 droni, incolpando Kiev dell'attacco. Undici droni hanno erano diretti verso la Crimeaoccupata, altri cinque hanno attaccato la regione di Belgorod, tre la regione di Bryansk, uno la regione di Kaluga e uno la regione di Tula.

Zelensky: "Dobbiamo aumentare la produzione di droni"

Uno degli obiettivi principali dell'Ucraina per l'anno in corso è quello di tenere testa alla Russia nelle operazioni con i droni, la cui produzione verrà aumentata in modo significativo: lo ha detto ieri sera il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, come riportano i media locali.

"Più i droni ucraini avranno successo, dall'Fpv ('First person view', ovvero guidati via video,) ai droni strategici, più vite dei nostri guerrieri salveremo", ha affermato il presidente, aggiungendo di aver tenuto una videoconferenza con la leadership militare e l'intelligence ucraina sulla produzione e il rifornimento di droni all'esercito.

Il 19 dicembre scorso Zelensky ha annunciato che l'Ucraina avrebbe prodotto un milione di droni nel 2024. Secondo il ministro delle industrie strategiche, Oleksandr Kamyshin, l'Ucraina ha prodotto 50mila droni Fpv il mese scorso e Kiev punta ad aumentare la sua produzione di droni fino a decine di migliaia al mese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina: i russi alle porte di Avdiivka, droni sulle città orientali: quattro feriti civili

Caso Salis, lettera dal carcere il 2 ottobre: l'Italia sapeva delle sue condizioni

Ucraina: preoccupa la situazione nella regione di Kharkiv, Vovchansk presto una nuova Bakhmut