L'Estonia espelle il capo della Chiesa ortodossa russa: sostiene la guerra, dovrà lasciare il Paese

Il metropolita Eugeni Reshetnikov della Chiesa ortodossa estone
Il metropolita Eugeni Reshetnikov della Chiesa ortodossa estone Diritti d'autore EBU
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'Estonia non ha voluto rinnovare il permesso di soggiorno al metropolita capo della Chiesa ortodossa russa del Paese per il suo sostegno alla guerra della Russia in Ucraina. Dovrà lasciare il Paese entro il 6 febbraio

PUBBLICITÀ

L'Estonia ha deciso di non prorogare il permesso di soggiorno del metropolita Eugeni Reshetnikov della Chiesa ortodossa estone del Patriarcato di Mosca, che dovrà lasciare il Paese entro il 6 febbraio. Il ministro degli Interni ritiene che le sue attività rappresentino una minaccia per la sicurezza nazionale. A riportarlo è Politico

I rappresentanti del ministero degli Interni hanno più volte incontrato Reshetnikov per spiegargli che deve smettere di sostenere il regime del Cremlino e le azioni militari della Russia nelle sue dichiarazioni. Ma nonostante gli avvertimenti passati, Reshetnikov non ha modificato la sua condotta, ritenuta incompatibile con i valori dell'Estonia.

Il permesso di soggiorno di Reshetnikov, che la Polizia di frontiera ha recentemente rifiutato di rinnovare, scadrà il 6 febbraio.

Il metropolita dovrà lasciare il Paese entro il 6 febbraio

La polizia ha dichiarato che nell'esaminare la richiesta di Reshetnikov ha preso in considerazione le sue attività come rappresentante del Patriarcato di Mosca in Estonia, le sue dichiarazioni pubbliche e i suoi effetti sulla sicurezza interna. Anche il Servizio di sicurezza interna estone (Iss) ha fornito il suo contributo.

Reshetnikov ha un permesso di soggiorno a tempo determinato in Estonia da quattro anni. L'ultima volta che il suo permesso è stato rinnovato è stato due anni fa, immediatamente prima dell'inizio dell'invasione russa in Ucraina.

Indrek Aru ha aggiunto che la decisione di non rinnovare il permesso di soggiorno di Reshetnikov riguarda solo il suo comportamento personale e non ha alcuna attinenza con la Chiesa ortodossa estone del Patriarcato di Mosca o i suoi fedeli.

Nell'autunno del 2022, il ministro degli Interni invitò il metropolita Eugeni aspettandosi che prendesse chiaramente le distanze dalla dichiarazione del Patriarca russo Kirill a sostegno della guerra. Il metropolita Eugeni si era precedentemente unito alle dichiarazioni di tre Consigli delle Chiese che condannavano la guerra.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"La Russia sfrutta la frustazione dei macedoni", dice il minsitro degli Esteri Bujar Osmani

Estonia, nella base Nato ci si prepara al Natale e al lancio dei razzi Himars

Russia, la prima ministra dell'Estonia Kallas tra i ricercati per i monumenti sovietici rimossi