Elezioni in Russia: ecco i primi due candidati registrati a competere contro Putin

Leonid Slutsky sfiderà Vladimir Putin alle elezioni di marzo in Russia
Leonid Slutsky sfiderà Vladimir Putin alle elezioni di marzo in Russia Diritti d'autore Alexander Zemlianichenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Maria Michela D'Alessandro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La commissione elettorale russa ha registrato i primi due candidati che competeranno contro Vladimir Putin nelle elezioni presidenziali di marzo

PUBBLICITÀ

Venerdì 5 gennaio la Commissione elettorale nazionale russa ha registrato i primi due candidati che competeranno con il presidente Vladimir Putin alle prossime elezioni in programma dal 15 al 17 marzo.

Con ogni probabilità Putin sarà rieletto per la quinta volta alla guida del Paese. 

La commissione ha approvato la nomina di Leonid Slutsky del partito nazionalista Liberal Democratico e Vladislav Davankov del Nuovo Partito Popolare.

Nessuno dei due rappresenta però alcuna minaccia per il presidente in carica dal 2000 (dal 2008 al 2012 Putin ha ricoperto la carica di Primo ministro), l'unico a detenere la scena politica russa dal crollo dell'Unione Sovietica

Gli altri candidati

Per il momento sono 11 i candidati ad essere in corsa: tre sono gli indipendenti, compreso Putin, e otto quelli presentati da partiti che appoggiano Russia Unita, il partito al governo da oltre vent'anni. 

Tra gli esclusi la giornalista Ekaterina Duntsova: lo scorso 23 dicembre la Commissione elettorale centrale russa ha rifiutato la registrazione del gruppo della ex deputata della Duma cittadina di Rzhev a causa di una serie di errori procedurali.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Navalny riappare in video dalla colonia penale artica. Su X scherza sulla detenzione in isolamento

Attacco russo su Pokrovsk: almeno 11 morti, indagini sui missili fabbricati in Corea del Nord

Putin: "Abbiamo armi per colpire i Paesi occidentali"