EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

A Terni Gesù nasce tra le macerie della guerra in Terra santa

Nel presepe soldati e carri armati invece dei pastori e cammelli
Nel presepe soldati e carri armati invece dei pastori e cammelli
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TERNI, 22 DIC - Gesù bambino quest'anno nasce tra le macerie della guerra in Terra santa. Accade con il presepe realizzato a Terni dall'Istituto di studi teologici e storico sociali - presso il Cenacolo San Marco - ha voluto rappresentare la Natività, con Gesù adagiato su un cumulo sassi e mattoni piuttosto che nella mangiatoia. "È un presepe che racconta l'immane tragedia che si sta vivendo in Palestina e a Betlemme, in Cisgiordania", spiega all'ANSA Arnaldo Casali, il direttore dell'Istess. "I pastori sono stati uccisi e al loro posto, nel nostro presepe, ci sono i soldati, mentre i carri armati hanno sostituito di fatto i cammelli" spiega Casali. "Invece della stella cometa, sopra la capanna - aggiunge - vola un minaccioso aereo militare pronto a lanciare missili. A vegliare il Bambinello c'è soltanto la Madonna, mentre San Giuseppe è rimasto al di là delle macerie e sta a simboleggiare come tante famiglie sono state divise dal conflitto". "Il presepe dell'Istess - spiega ancora il direttore - vuole avere sempre un occhio di riguardo alle sofferenze e alla realtà, perché è così che nasce, come ci ricorda San Francesco con la prima rappresentazione della Natività a Greccio. Francesco di Assisi diceva di voler vedere nel presepe tutto il disagio in cui era nato Gesù, nella nostra Natività - sottolinea Casali - Gesù nasce addirittura senza mangiatoia e senza bue e l'asinello, viene al mondo nelle peggiori delle condizioni, in un clima di totale sofferenza come quello che stanno vivendo migliaia di bambini vittime della guerra, ma sarebbe meglio dire delle guerre". "Le macerie in cui nasce Gesù non sono, però, solo quelle dei confitti, ma sono anche quelle che ci portiamo dentro, causate ad esempio dalla solitudine", ricorda ancora il direttore dell'Istituto. "Ma nel nostro presepe c'è comunque un segno di speranza - conclude Casali - ed è rappresentato dal fatto che la capanna di Gesù è rimasta in piedi, come è ancora in piedi la speranza e la fede di milioni di persone". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: Joe Biden si ritira dalla corsa presidenziale, appoggio a Kamala Harris

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"