La preoccupazione dei palestinesi d'Europa, senza notizie dei loro cari a Gaza

FILE - Una donna palestinese piange durante un funerale.
FILE - Una donna palestinese piange durante un funerale. Diritti d'autore Fatima Shbair/Copyright 2022, The AP. All rights reserved
Di Laura Llach
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'ultimo messaggio che Ahmad ha ricevuto dai suoi cari risale a sabato scorso e da allora non ha più avuto notizie. Come lui, migliaia di palestinesi in Europa aspettano notizie dei loro famigliari e amici.

PUBBLICITÀ

Dallo scoppio della guerra a Gaza, la famiglia di Ahmad Salama, divisa tra Germania e Arabia Saudita, è rimasta incollata al televisore. Sebbene le notizie del conflitto siano profondamente angoscianti, è l'unico modo per sapere come stanno i loro parenti fuggiti dal nord di Gaza verso il sud.

Il 23enne palestinese, che studia in Germania da sei anni, riceve notizie da Zahr, la zia di suo padre, una volta alla settimana. "È snervante, possiamo solo inviare loro messaggi Whatsapp e aspettare una risposta. Abbiamo la TV sempre accesa per assicurarci che la zona in cui si trovano non sia stata bombardata o che non ci siano problemi", ha detto Ahmad a Euronews.

"Ci svegliamo ogni giorno sapendo che c'è la possibilità che non ci siano più.... Se dovessimo perderli, non so nemmeno come faremmo a saperlo. Quindi guardiamo i notiziari e aspettiamo che ci rispondano, a volte anche per quattro o cinque giorni", ha aggiunto.

L'ultimo messaggio ricevuto risale a sabato scorso, poco dopo la fine del cessate il fuoco tra Israele e Hamas. Da allora non hanno più avuto notizie.

Sanno che Zahra si trova nella seconda città più grande della striscia di Gaza, Khan Younis, anch'essa gravemente colpita dal conflitto. La città, che un tempo ospitava circa 200.000 persone, è raddoppiata con l'arrivo degli sfollati dal nord di Gaza.

Non sappiamo cosa fare. Siamo venuti a sud perché ci avevano detto che sarebbe stato sicuro, e ora stanno bombardando anche il sud.
Abitante di Gaza

Le Nazioni Unite, che hanno descritto la situazione come una "catastrofe umana", che sarà "ancora più infernale" per i palestinesi.

Nel frattempo, per la famiglia di Ahmad e per il resto della popolazione palestinese europea, ogni messaggio vocale da Gaza porta un momento di sollievo.

Ahmad Salama and his family.
Ahmad Salama and his family.Family archive

Voci da Gaza

"Non sappiamo cosa fare. Siamo venuti a sud perché ci avevano detto che sarebbe stato sicuro, e ora stanno bombardando anche il sud", è la prima cosa che Ahmad sente quando preme play sul messaggio vocale Whatsapp.

È la zia di suo padre a descrivere la sua situazione: "è una tortura. Quando fa buio, ho molta paura. Non riesco a dormire e la notte è molto lunga. Non c'è elettricità, quindi dobbiamo aspettare sette ore prima di rivedere il sole".

Dopo che la loro casa nel nord di Gaza è stata bombardata due volte, Zahr e la sua famiglia sono fuggiti a sud. Non appena sono fuggiti, la loro casa è stata bombardata una terza e ultima volta. Ora vivono a Khan Younis grazie ad amici che sono riusciti ad accoglierli, insieme ad altre 22 persone.

Nella loro fuga, i famigliari di Ahmad hanno lasciato tutte le loro cose nella loro casa bombardata nel nord. Non hanno cibo, né elettricità, né internet, né vestiti caldi, e a Gaza fa sempre più freddo.

Non c'è nulla da comprare e Zahr dice che i pochi aiuti umanitari che arrivano scompaiono in pochi secondi. "È come una roulette russa: o rimangono, rischiando di morire sotto le bombe, o fuggono, rischiando di essere uccisi lungo la strada", ha detto Ahmad.

"Sono nervoso, perché potrei svegliarmi e venire a sapere che abbiamo perso la nostra famiglia. Sono costretto a vivere con questa paura, perché non c'è nulla di certo", ha aggiunto.

Ahmad racconta che quando navigando su internet vede un'intera famiglia con il suo stesso cognome tra i nomi delle persone morte, rabbrividisce al pensiero che potrebbero essere suoi cugini di secondo grado.

A woman mourns the covered bodies of her child and her husband killed in an Israeli army bombardment of the Gaza Strip, in the hospital in Khan Younis.
A woman mourns the covered bodies of her child and her husband killed in an Israeli army bombardment of the Gaza Strip, in the hospital in Khan Younis.Fatima Shbair/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

La guerra a Khan Younis si sta intensificando

Secondo le Nazioni Unite stimano che gli sfollati interni siano almeno 1,9 milioni, circa l'80% della popolazione.

I bombardamenti si sono intensificati dalla fine del cessate il fuoco e il Ministero della Sanità palestinese nella Striscia di Gaza gestita da Hamas stima che dal 7 ottobre siano state uccise 15.500 persone.

"La vita è difficile, è diventata quasi preistorica. Vedo sempre gli aerei di Israele sopra di me. Abbiamo perso tutto, ma grazie a Dio non abbiamo perso nessun membro della nostra famiglia", continua Zahr, di Khan Younis.

Le cose si stanno complicando per i palestinesi le cui famiglie sopravvivono a Gaza. Senza internet né elettricità nella zona, ogni messaggio inviato ai loro cari rischia di essere l'ultimo.

PUBBLICITÀ

Secondo l'Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari, Rafah è ora l'unico posto nel territorio in cui si possono ancora distribuire aiuti umanitari limitati. Pochi aiuti raggiungono Khan Younis e l'accesso alle aree più a nord è stato interrotto.

"È straziante. Ci si arrabbia e si piange allo stesso tempo, perché ci si sente impotenti e si vorrebbe aiutare, ma non si sa come", ha detto Ahmad.

Nel frattempo, Zahr sogna di tornare a casa sua, nel nord della Striscia. Parla della fine della guerra e della speranza di tornare e affittare un appartamento in cui vivere.

"Non preoccupatevi per noi", dice nel suo saluto, "spero che tutto andrà per il meglio".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le preoccupazioni dell'Europa tra Gaza e Dubai

Bombardato un edificio residenziale a Gaza, almeno 20 i morti

L'Ue ancora divisa sulla guerra in Medio Oriente