Ucraina, in bilico gli aiuti a Kiev. Attesa per i bilanci Ue e Usa

Il presidente russo Vladimit Putin e il portavoce del Cremlino Dimitry Peskov
Il presidente russo Vladimit Putin e il portavoce del Cremlino Dimitry Peskov Diritti d'autore Alexander Zemlianichenko/Copyright 2017 The AP. All rights reserved.
Di Maria Michela D'Alessandro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I fondi stanziati dagli Stati Uniti a sostegno dell’Ucraina potrebbero esaurirsi entro la fine dell’anno; attesa per il bilancio dell'Ue la prossima settimana a Bruxelles. Peskov: l’Europa ha sempre più difficoltà finanziare Kiev

PUBBLICITÀ

Le notizie sono arrivate nella stessa giornata, una da Bruxelles e l'altra da Washington, i due cuori della politica europea e statunitense: in bilico gli aiuti militari all'Ucraina da parte dell'Unione europea e degli Stati Uniti

La prima, quella che l'Ue potrebbe non essere in grado di dare all’Ucraina i 50 miliardi di euro promessi se gli Stati membri non riusciranno a raggiungere un accordo sul prossimo bilancio comune, è nelle pagine del 4 dicembre del Financial Times. Il quotidiano finanziario di Londra cita fonti secondo cui le controversie mettono a repentaglio le importanti promesse fatte a Kiev alcuni mesi fa. 

Il 14 e 15 dicembre i leader di Stato e di governo dell'Ue si riuniranno a Bruxelles per la revisione del bilancio dell'Ue, 100 miliardi di euro, che aprirebbe la strada all'erogazione di 50 miliardi di euro in sovvenzioni e prestiti per aiutare l'Ucraina nel lungo termine.

La seconda arriva direttamente da Shalanda Young, direttrice del budget della Casa Bianca, che in una lettera inviata ai leader del Congresso ha detto che i fondi a sostegno l’Ucraina sono destinati a finire entro la fine dell’anno se il Congresso non approverà nuovi aiuti. 

"Senza un’azione entro la fine dell’anno finiremo le risorse per le armi all’Ucraina - ha scritto Young -. Non ci sono fondi magici per far fronte a questo momento. Abbiamo finito i soldi – e abbiamo quasi finito il tempo". La direttrice ha aggiunto che tocca ora al Congresso Usa decidere se "continuare a combattere per la libertà in tutto il mondo o ignorare le lezioni che abbiamo imparato dalla storia e lasciare che Putin e l’autocrazia prevalgano". 

Cremlino: L’Europa ha sempre più difficoltà a stanziare fondi per l’Ucraina

Non si è fatta attendere la risposta di Mosca con le dichiarazioni del portavoce del Cremlino Dmitry Peskov: i Paesi europei trovano sempre più difficile stanziare aiuti economici per le esigenze dell’Ucraina, ha commentato dopo la pubblicazione dell'articolo del Financial Times. 

È chiaro che sta diventando sempre più difficile stanziare denaro per l’Ucraina
Dmitry Peskov
Portavoce Cremlino

L’economia della Federazione Russa si è adattata alle condizioni dell’operazione militare speciale - ha spiegato poi spiegato il portavoce del Cremlino -, aggiungendo che per quanto riguarda la Russia l’operazione militare speciale continuerà e che l'economia nazionale, adattatasi alle condizioni belliche, garantisce le risorse necessarie per andare avanti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, l'inverno è un nemico ma anche un alleato in più: soldati e civili si preparano

Usa, i finanziamenti per sostenere Kiev sono sono messi in dubbio da un grande litigio politico

Guerra in Ucraina: attacchi su Odessa e Kharkiv, Kiev sigla il trattato di sicurezza con Paesi Bassi