EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Hamas pronta a liberare "un certo numero di stranieri" tenuti in ostaggio a Gaza

Hamas annuncia la liberazione di alcuni ostaggi stranieri "nei prossimi giorni"
Hamas annuncia la liberazione di alcuni ostaggi stranieri "nei prossimi giorni" Diritti d'autore Markus Schreiber/AP
Diritti d'autore Markus Schreiber/AP
Di Gianluca Martucci
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Lo farà nei prossimi giorni e sarà "in linea con il desiderio di non tenerli sul territorio della Striscia di Gaza", ha detto un portavoce dell'ala militare del movimento

PUBBLICITÀ

Hamas rilascerà "nei prossimi giorni un certo numero di cittadini stranieri" tenuti in ostaggio dal giorno dell'attacco a Israele del 7 ottobre. Lo ha dichiarato, Abu Obeida, il portavoce delle Brigate al-Qasam, il braccio armato del movimento che dal 2007 governa la Striscia di Gaza.

"Abbiamo informato i mediatori che rilasceremo un certo numero di ostaggi nei prossimi giorni, in linea con il nostro desiderio di non tenerli a Gaza", ha dichiarato Abu Obeida in un discorso televisivo.

Il portavoce ha anche negato che la soldatessa Ori Megidish ritrovata dalle autorità israeliane sia stata sottratta ad Hamas. È improbabile che soldati israeliani abbiano "raggiunto un qualsiasi prigioniero detenuto da al-Qasam".

E se il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si vanta del rilascio di un ostaggio un mese dopo, ha aggiunto provocando, "significa che avrà bisogno di 20 anni per rilasciare il resto dei suoi prigionieri a Gaza".

Sforzo diplomatico

Il sequestro di connazionali, specialmente per i governi occidentali, rappresenta come sempre un grande rischio politico. Gli sforzi diplomatici si stanno concentrando in particolare su Egitto e Qatar che sono i mediatori più attivi per influire sui negoziati tra Hamas e Israele. 

Il Cairo ha invitato Hamas a un incontro al Cairo per discutere anche della questione degli ostaggi. L'invito, ha affermato un funzionario del governo egiziano, sarà esteso anche ai leader di altre fazioni palestinesi, come Jihad islamico, il secondo gruppo armato più potente nella Striscia di Gaza.

Più complicate saranno le trattative per la liberazione degli ostaggi israeliani. Hamas pretende che oltre alla liberazione di migliaia di militanti palestinesi trattenuti nelle carceri israeliane ci sia l'avvio di un cessate il fuoco.

Nella conferenza stampa in cui ha annunciato "la terza fase del conflitto" che ha portato l'esercito a circondare Gaza City e ha prendere il controllo delle principali strade che permettono il transito da Nord a Sud, il primo ministro Benjamin Netanyahu, ha rifiutato la possibilità di un rilascio condizionato dei connazionali tenuti in ostaggio. Israele, inoltre, "non cesserà il fuoco, ha detto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

I parenti degli ostaggi rapiti da Hamas chiedono aiuto al Parlamento europeo

Attacco a Jabalia, Hamas: "Morti sette ostaggi, tra cui tre stranieri"

Gaza: riapre l'ospedale al-Ahli, gli Stati Uniti chiudono il molo galleggiante