Zelensky, "Mosca ora mira alla centrale nucleare di Khmelnytsky"

Attacchi in Ucraina
Attacchi in Ucraina Diritti d'autore AP Photo/Bram Janssen
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tutta la regione è stata presa di mira per la quarta volta in una settimana. Gli edifici civili di quattro comunità sono stati danneggiati dai bombardamenti

PUBBLICITÀ

Mentre non si fermano i raid russi, il presidente Volodymyr Zelensky ha confermato che l'obiettivo dei droni lanciati nei pressi di Khmelnytsky era la centrale nucleare della zona.

Tutta la regione è stata presa di mira per la quarta volta in una settimana. Gli edifici civili di quattro comunità sono stati danneggiati dai bombardamenti mentre decine di persone ferite sono state trasportate all'ospedale Slavuta, la città più colpita.

Secondo Zelensky "è molto probabile che l'obiettivo di questi droni fosse la centrale di Khmelnytsky, ha detto. L’onda d’urto dell’esplosione ha frantumato le finestre, comprese quelle sul territorio della centrale nucleare. Questo attacco contro la centrale ricorda a tutti i nostri alleati quanto sia importante rafforzare la difesa aerea dell'Ucraina e quanto può essere pericolosa quando la Russia riesce ad aggirare le sanzioni internazionali".

Mosca guadagna terreno nella città orientale di Avdiivka

Le forze militari russe hanno conquistato un'area di circa 1 chilometro di larghezza lungo un terrapieno ferroviario a nord della città contesa di Avdiivka, nell'Ucraina orientale. "Qui si svolge una battaglia nella quale il nemico russo impegna le sue forze principali", ha dichiarato su Telegram il giornalista ucraino Yuriy Butusov, aggiungendo che sono previsti avanzamenti lungo l'argine verso i villaggi di Stepove e Berdychiv. 

Secondo varie fonti, il corridoio di rifornimento controllato dall'Ucraina è stato ridotto a 6-8 chilometri. Dei 30.000 residenti di una volta nella città industriale gravemente colpita, ne restano solo circa 1.000. Più della metà di Avdiivka è circondata dalle forze russe e, secondo l'esercito ucraino, nei giorni scorsi nei pressi della città sono stati respinti 15 attacchi di Mosca.

I battaglioni russi pro Ucraina

Intanto una zona fuori Kiev, un "battaglione siberiano", composto da oppositori russi del leader del Cremlino Putin si sono uniti con i soldati ucraini in un conflitto che non ha fine, andando a unirsi alla Legione Internazionale per i Volontari Stranieri, una delle numerose unità composte da russi.

Uno dei combattenti, nome in codice "Shved", fa sapere che è quanto mai necessario eliminare Putin e la sua dittatura, per eliminare il sistema che porta all’oppressione delle persone e alla disuguaglianza. E per questo abbiamo bisogno della vittoria dell'Ucraina."

I combattenti hanno il volto coperto e non vogliono farsi riconoscere. Questa non è l’unica unità russa che combatte per l’Ucraina. Il portavoce della Legione Internazionale ha detto di non poter fornire dettagli su come i russi siano riusciti ad arruolarsi con le forze di Kiev. Alcuni arrivano in gruppo, altri in modo isolato. L’unico obiettivo è combattere contro Mosca. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mosca dipinge la presa di Avdiivka come un trionfo, Kiev smentisce la cattura di centinaia di uomini

Morte di Navalny, la madre vede il corpo: "Vogliono che seppellisca mio figlio in segreto"

In Ucraina mancano i soldati volontari, le truppe al fronte sono esauste