EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Il fenomeno migratorio in Europa. Sono spesso gli uomini a lasciare il proprio paese

Centro di accoglienza Petit Chateau, Bruxelles
Centro di accoglienza Petit Chateau, Bruxelles Diritti d'autore AP Photo/Olivier Matthys, File
Diritti d'autore AP Photo/Olivier Matthys, File
Di Scott Reid Agenzie:  Agencies
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Mentre il Belgio dichiara che non fornirà più rifugio agli uomini soli in cerca di asilo, un esperto spiega i retroscena di molti viaggi

PUBBLICITÀ

Chiuse le porte dei centri di accoglienza agli uomini soli richiedenti asilo in Belgio. La decisione che arriva dal governo belga sostiene che le famiglie, le donne e i bambini devono avere la priorità. 

Mercoledì scorso, il Segretario di Stato, Nicole de Moor, ha dichiarato che nei prossimi mesi è previsto un aumento della domanda di alloggi per richiedenti asilo e dunque si deve "assolutamente evitare che i bambini finiscano per strada quest'inverno". 

D'ora in poi invece gli uomini soli dovranno cavarsela senza aiuti. La notizia ha suscitato polemiche, proteste e forti critiche, con la regione di Bruxelles e Amnesty International che hanno chiesto al governo di cambiare idea. Immediata la riposta della Commissione europea che ha dichiarato che avrebbe contattato le autorità belghe sulla questione.

Un contraccolpo anche per uomini che avevano richiesto asilo in altre circostanze.

Basti pensare alla vicenda dei 500 migranti, inizialmente trasferiti sulla chiatta Bibby Stockholm nel sud dell'Inghilterra, nel tentativo del governo britannico di evitare di spendere soldi per l'alloggio in hotel. Una questione che ha coinvolto anche i residenti locali.  

"L'unico problema è che arrivano così tante persone sulla nave e sono tutti uomini. Dove sono le famiglie? Dove sono le mogli e i figli?", ha dichiarato una persona alla BBC.

Altri, nelle interviste, sono stati più espliciti. "Sono molto preoccupata, ho paura, io e i miei figli veniamo al mare, alla spiaggia qui", ha detto un'altra donna, "come possiamo farlo con 500 uomini?".

Cosa spinge gli uomini a migrare

Secondo l'Agenzia dell'Unione europea per l'asilo, l'anno scorso le richieste di asilo da parte degli uomini erano state del 71%.

Tuttavia, esperti e attivisti sottolineano che ci sono ragioni per cui sono spesso gli uomini a intraprendere viaggi anche pericolosi. 

Il professor Nando Sigona, titolare della cattedra di Migrazioni internazionali e sfollamenti forzati presso l'Università di Birmingham, nel Regno Unito, afferma che in molti Paesi gli uomini sono considerati i principali portatori di reddito, e spesso vengono impegnati in attività come l'arruolamento nell'esercito.

"Queste caratteristiche li rendono anche più suscettibili nel diventare un bersaglio in una situazione di turbolenza politica e sociale", ha aggiunto.

Il professor Sigona ha aggiunto che "il viaggio verso l'Europa è pericoloso e costoso, e raccogliere abbastanza denaro per tutti i membri della famiglia, per cercare protezione all'estero, è difficile. Quindi spesso gli uomini vengono mandati all'estero prima per assicurarsi un reddito per sostenere i famigliari e per cercare una più sicura per la protezione internazionale attraverso il ricongiungimento familiare".

Tuttavia, ha aggiunto che, con l'adozione di approcci più restrittivi in molti Paesi, nei confronti della via del ricongiungimento familiare, "abbiamo assistito a un aumento considerevole di bambini e donne che hanno intrapreso traversate pericolose, rischiando la vita. Questo è il caso sia delle traversate illegali nel Mediterraneo e attraverso la Manica".

Intanto la mancanza di comunicazione con le comunità locali aumenta la paura di coloro che hanno nuovi vicini e non sanno nulla del loro passato.

"I richiedenti asilo sono spesso ospitati in aree già povere ed emarginate e la loro presenza è percepita come un'ulteriore forma di esclusione da parte di alcuni residenti locali", ha detto. "Manca spesso una comunicazione con le comunità locali e le persone sono collocate in aree senza una discussione preliminare".

Per quanto riguarda il piano belga, ha detto che "i conti non tornano".

"Sebbene sia ovviamente importante che abbiano un rifugio per l'inverno, è improbabile che a tutti gli uomini single debba essere negato un rifugio per ospitarli".

PUBBLICITÀ

A suo avviso, il vero obiettivo è "punitivo nei confronti degli uomini soli richiedenti asilo, rafforzando ulteriormente l'errata percezione pubblica che essi abusino del sistema e siano pericolosi".

In un documento che il gruppo Care4Calais ospita sul proprio sito web, si legge che "i giovani uomini che vedete su queste barche stanno facendo del loro meglio per proteggere le loro famiglie. Le loro madri, le loro nonne, le loro sorelle, i loro bambini, le loro figlie. Quante volte un padre dice che morirebbe per la propria figlia, un marito per la propria moglie? Ebbene questi uomini lo stanno mettendo in pratica".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il referendum polacco aumenterà la distanza con l'Ue o segnerà la fine del governo di Morawiecki?

Belgio: l'edilizia sociale dà una speranza a chi non può permettersi di acquistare una casa

Ucraina: la Commissione Ue è pronta a dare a Kiev miliardi di beni russi congelati