EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La nomenklatura russa si immagina etero e reprime la comunità LGBTQ+

La comunità transgender
La comunità transgender Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A luglio Mosca ha approvato una legge che vieta le cure per l'affermazione di genere, invalida i matrimoni che coinvolgono persone transgender e proibisce loro di adottare o dare in affidamento bambini

PUBBLICITÀ

"Ho dovuto imparare ad aiutare persone in stati di disperazione completamente diversi". 

Sof è una volontaria del Centre-T di San Pietroburgo. Dice di essere sommersa da un flusso di richieste di aiuto disperate.

Le e-mail provengono da individui della comunità trans russa, alle prese con l'incertezza e la paura per l'attuazione di una norma da parte del Parlamento, che mette fuori legge le cure per l'affermazione dell'identità di genere.
Si tratta di terapie che vanno dai trattamenti ormonali a quelli psicologici e comportamentali.

"Rispondiamo alle e-mail tutti i giorni, tutte le settimane senza vacanze" ci dice Sof al telefono.

Centre-T, una delle principali organizzazioni russe a sostegno della comunità transgender, aiuta le persone a ottenere assistenza medica, accesso agli ormoni e persino percorsi sicuri per uscire dal Paese.

Lo stop alle cure per l'affermazione di genere in Russia

A luglio, Mosca ha approvato una legge che vieta le cure per l'affermazione di genere, invalida i matrimoni che coinvolgono persone transgender e proibisce loro di adottare o dare in affidamento bambini.

Questa legge fa seguito a un'altra normativa, approvata all'inizio dell'anno, che vieta qualsiasi rappresentazione positiva o neutrale della cultura LGBTQ+ negli spazi pubblici, nella cultura popolare e persino nel cinema.

Cosa rischiano gli attivisti LGBTQ+

Aleksei è un attivista LGBTQ+: ci spiega i rischi corsi a manifestare il proprio pensiero: "Abbiamo dovuto congelare molti dei nostri progetti. Una persona che parla apertamente di queste cose può essere riconosciuta come un agente straniero, e questo ha gravi conseguenze".

Secondo Maria Arkhipova, attivista trans russa e avvocato per i diritti umani attualmente residente in Georgia, queste leggi possono avere un impatto mortale sulla comunità LGBTQ+ del Paese. 

"Le persone si troveranno in una situazione in cui saranno indotte al suicidido - dice Arrkhipova - Alcuni saranno costretti a fuggire all'estero".

Nel frattempo, attivisti come Sof e Aleksei scelgono di rimanere nel Paese finché possono. 

"Se si tratta di scegliere tra la prigione e la partenza, ovviamente si sceglie di partire - spiega Aleksei - Io cerco di rimanere il più a lungo possibile perché vedo che molte persone non possono andarsene e la comunità LGBT ha bisogno di sostegno". 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mostra fotografica Lgbt vietata ai minori

Come Alessandra Mussolini è diventata una sostenitrice LGBTQ+

"L'odio è uscito allo scoperto": l'ascesa dell'estrema Destra mina i diritti LGBTQIA+ in Europa