EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

GB: ergastolo per l'infermiera killer che uccise sette neonati

Il giorno del giudizio
Il giorno del giudizio Diritti d'autore Elizabeth Cook/AP
Diritti d'autore Elizabeth Cook/AP
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sette neonati uccisi e sei tentati omicidi. A un anno dall'inizio del processo l'infermiera killer è stata condannata dalla corte di Manchester alla pena più severa. Ergastolo senza possibilità di condizionale. Ancora buio su cosa abbia scatenato la sua follia omicida

PUBBLICITÀ

Ergastolo senza condizionale. L'infermiera britannica  Lucy Letby è stata condannata dalla Manchester Crown Court con la terribile accusa di aver  ucciso sette neonati e tentato di assassinarne altri sei  nel reparto di maternità  del Countess of Chester Hospital, tra il 2015 e il 2016. 

Nella lettura della sentenza , in diretta tv,  il giudice James Goss ha parlato di "premeditazione, calcolo e malizia" nelle azioni compiute da Letby, che hanno avuto un "impatto immenso" sulle famiglie coinvolte. 

Una donna che l'accusa ha descritto come diabolica, fredda, calcolatrice e tenace e che si è sempre dichiarata innocenza durante tutto il lungo iter processuale cominciato un aanno fa.

Le testimonianze scioccanti

Durante il processo, una madre ha raccontato di essere tornata a dare il latte a uno dei suoi gemelli prematuri, nell'agosto 2015, e di averlo trovato con del sangue intorno alla bocca.  Secondo l'accusa, l'infermiera aveva appena iniettato aria con un'apparecchiatura nella gola del piccolo che è morto poche ore dopo.

Il modus operandi

Lucy Letby attaccava i bambini dopo che i genitori se ne andavano, generalmente di notte quando era sola. Poi fingeva di unirsi  agli sforzi collettivi per salvare i neonati, e assisteva personalmente  i genitori disperati arrivando al punto di scrivere loro dei biglietti di affettuosa consolazione.

Le indagini e l'arresto

Trasferita nel giugno 2016 in un ufficio amministrativo, arrestata una prima volta nel 2018, poi nel 2019, Lucy Letby è stata incarcerata nel novembre 2020. Le motivazioni che l'hanno spinta ai folli gesti  non sono stati del tutto chiariti.

Nella sua abitazione sono stati trovati degli appunti scritti a mano, e uno di questi conteneva una sorta di confessione: 'Sono diabolica, l'ho fatto'.  

La polizia inglese intanto continua a indagare e a studiare migliaia di casi analoghi alla ricerca di eventuali altre vittime di Lucy Letby.

L'infermiera killer, al momento della sentenza,  ha scelto di non essere presente in aula, come comunicato ai suoi avvocati qualche giorno prima.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Condanna all'ergastolo per Monique Olivier, l'ex moglie del mostro delle Ardenne

La diaspora dei bambini, costretti a fuggire da guerre e crisi nel report di Save the Children

Gran Bretagna, fermati tre parenti per la morte di Sara Sharif