La diaspora dei bambini, costretti a fuggire da guerre e crisi nel report di Save the Children

Cresce il numero dei bambini sfollati
Cresce il numero dei bambini sfollati Diritti d'autore Brian Inganga/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dal Sudan alla Somalia sino a Gaza: la fuga dei bambini dalle zone di crisi nel rapporto di Save the Children. L'anno scorso 29.000 minori in più al giorno sono stati sfollati all'interno del proprio Paese o sono fuggiti in un altro

PUBBLICITÀ

Secondo un nuovo report di Save the Children, l'anno scorso più di 10 milioni di bambini sono stati costretti a fuggire dalle loro case nelle dieci maggiori crisi mondiali.

L'annus horribilis ha spinto il numero di bambini sfollati a livello globale a oltre 50 milioni, il più alto di sempre, con numeri più che raddoppiati dal 2010.

Sempre secondo le stime, l'anno scorso 29.000 bambini in più al giorno sono stati sfollati all'interno del proprio Paese o sono fuggiti in un altro a causa di conflitti, emergenze umanitarie, crisi regionali.

**I minori più colpiti sono quelli del Sudan e della Somalia. **

Bambini che hanno perso tutto

Un portavoce dell'organizzazione ha dichiarato che "un bambino sfollato ha probabilmente assistito a violenze o distruzioni che nessuno dovrebbe mai vedere, prima di doversi lasciare alle spalle tutto ciò che conosce. Quando i bambini perdono le loro case, perdono quasi tutto: l'accesso all'assistenza sanitaria, all'istruzione, al cibo e alla sicurezza".

Gaza, i minori sfollati

Alla fine del 2023, la percentuale di popolazione sfollata a Gaza in sole 10 settimane era una delle più alte registrate a livello globale. 
La maggior parte degli evacuati di Gaza – più di 1,3 milioni di persone tra cui più di 610.000 bambini – è intrappolata a Rafah in un’area pari a meno di un quinto della superficie totale dell’enclave, senza alcuna possibilità di fuga, mentre gli attacchi israeliani si intensificano. Una catastrofe umanitaria, secondo l'organizzazione.

Con questi ultimi dati Save the Children sottolinea la necessità di sostenere i bambini di tutto il mondo. Hanno bisogno di forniture vitali, ma anche di sicurezza, istruzione, riparo, salute, un posto dove giocare, ridere e imparare - solo alcune cose che molti di noi danno per scontate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, denutrito il 15% dei bambini sotto i due anni nel nord della Striscia denuncia Unicef

ONG, un bambino europeo su quattro è a rischio di povertà

Save the Children: "Intervento su territori e talenti", per un futuro ai bambini italiani