EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Importazioni di grano ucraino, Zelensky contro il protezionismo europeo

Un deposito di grano
Un deposito di grano Diritti d'autore AP/AP
Diritti d'autore AP/AP
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La proposta polacca di estendere le restrizioni sul grano ucraino fino a fine anno ha suscitato le proteste da parte di Kiev. Una "decisione contro lo spirito europeo", secondo il presidemte Zelensky

PUBBLICITÀ

 L'Ucraina stretta tra le bombe russe e il muro del protezionismo europeo. Kiev protesta contro la possibile decisione di Bruxelles di estendere le restrizioni sulle esportazioni di grano ucraino anche dopo il 15 settembre per proteggere gli agricoltori di Polonia, Bulgaria, Ungheria, Slovacchia e Romania.

"Qualsiasi estensione delle restrizioni è assolutamente inaccettabile e palesemente anti europea. L'Europa ha la capacità istituzionale di agire in modo più razionale rispetto a determinare la chiusura di una frontiera per un determinato prodotto", ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. "Stiamo lavorando molto attivamente con tutti per trovare una soluzione che sia in linea con lo spirito della nostra Europa".

L'iniziativa polacca

In una video conferenza con il vice presidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, responsabile per il Commercio, il ministro polacco dell'Agricoltura, RobertTelus, ha presentato "la posizione della Polonia sull'attuale situazione del mercato cerealicolo nel contesto delle importazioni di prodotti agroalimentari dall'Ucraina e le recenti azioni della Polonia e della coalizione informale di Paesi in prima linea".

La settimana scorsa i ministri dell'Agricoltura di Polonia, Ungheria, Romania, Bulgaria e Slovacchia riuniti a Varsavia hanno firmato una posizione comune in cui si chiede alla Commissione europea di estendere le misure preventive sulle importazioni di grano, mais, colza e semi di girasole dall'Ucraina oltre il 15 settembre 2023. Il documento sarà presentato oggi in occasione del Consiglio Ue dell'Agricoltura. 

Un accordo necessario

Da quando Mosca si è ritirata dagli accordi sul grano, ha intensificato gli attacchi verso i depositi di grano ucraini e le sue strutture portuali, nel tentativo di impedire l'accesso del Paese al mar Nero. Nei giorni scorsi il ministero della difesa russo era arrivato a minacciare la nazigazione sul bacino, affermando che qualsiasi nave in transito da e verso i porti ucraini sarebbe stata considerata un obiettivo militare.

La condanna degli Stati Uniti non si è fatta attendere: "Le azioni del Cremlino, compreso il suo ritiro dagli accordi del Mar Nero per i cereali, hanno causato una grave volatilità dei prezzi dei prodotti alimentari. L'instabilità colpirà maggiormente le aree del mondo più povere", ha affermato la portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre. "Esortiamo la Russia a smettere di prendere di mira le forniture alimentari e a rientrare immediatamente nell'accordo del grano".

Nel tweet: il prezzo del grano mai così alto da febbraio

Il segretario generale delle Nazioni Unite ha anche messo in guardia sulle conseguenze della sospensione dell'accordo per i Paesi più poveri. In una settimana, il prezzo del grano è aumentato di oltre il 14% e quello del mais di oltre il 10%.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, attacco di droni su Mosca. "Tentato atto terroristico"

Ucraina, ancora attacchi russi ad Odessa e e Mykolayv

Ucraina, attacco russo colpisce l'ospedale pediatrico Okhmatdyt a Kiev