EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Finlandia, razzismo e violenza: nuovo scandalo per il governo

Il nuovo primo ministro finlandese Petteri Orpo (R) e il suo nuovo ministro delle Finanze Riikka Purra tengono una conferenza stampa a Helsinki, Finlandia, il 20 giugno 2023.
Il nuovo primo ministro finlandese Petteri Orpo (R) e il suo nuovo ministro delle Finanze Riikka Purra tengono una conferenza stampa a Helsinki, Finlandia, il 20 giugno 2023. Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di David Mac Dougall
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Dei commenti violenti postati su un blog 15 anni fa sono stati collegati alla leader del partito di estrema destra e attuale ministra delle Finanze, Riikka Purra, che non ha smentito

PUBBLICITÀ

Il governo di destra finlandese è stato travolto da un nuovo scandalo dopo che sono riemersi vecchi commenti postati su un forum di estrema destra, presumibilmente scritti dalla leader del partito Veri finlandesi, Riikka Purra.

Tra questi ci sono commenti anti-islamici, violenti e contro gli immigrati, tra cui somali e "scimmie turche".

Purra, ministra delle Finanze finlandese, è a capo di uno dei quattro partiti che compongono la coalizione di governo guidata dal primo ministro Petteri Orpo del Partito di coalizione nazionale.

Negli ultimi giorni i media finlandesi e gli utenti dei social media hanno associato informazioni sulla vita di Riikka Purra - tra cui la sua educazione, il luogo in cui ha vissuto, l'occupazione, l'età, il lavoro del marito, gli studi, i cibi preferiti e i programmi di viaggio - a una donna chiamata "riikka", autrice di commenti offensivi, soprattutto nel corso del 2008.

"Saluti da Barcellona", ha scritto "riikka", lo stesso giorno di agosto in cui anche Riikka Purra era a Barcellona per intervenire a una conferenza sul multiculturalismo.

"Non c'è alcun 'allarmante problema di immigrazione' qui. I negri vendono Vuitton pirata sulle Ramblas", questo uno dei commenti postati sul blog.

"Oh, c'è stato un meraviglioso momento di razzismo civile oggi al piano terra di McDonald's:  il nostro bambino ha mangiato le crocchette dell'Happy Meal e al tavolo vicino una famiglia somala con un indice di massa corporea di +30 mangiava le proprie", ha scritto "riikka" nel giugno 2008.

E ancora: "Oggi a Helsinki c'è qualcuno che sputa sui mendicanti e picchia i bambini di ****?"; "Sono così piena di odio e di pura rabbia che sto per sciogliermi sulla sedia. Santo cielo, cosa stai facendo alla mia psiche, Islam?"; "Se mi dessero una pistola, ci sarebbero cadaveri anche sul treno dei pendolari".

AFP
FILE: Leaders of the four parties which make up the new Finnish coalition government arrive at House of the Estates, Helsinki, 16 June 2023AFP

Qual è stata la reazione in Finlandia?

Riikka Purra non ha né confermato né smentito di aver scritto questi commenti specifici, anche se ha ammesso di aver scritto cose in passato che non scriverebbe oggi.

"Non accetto e non ho mai accettato alcun tipo di violenza", ha twittato.

Ha detto di sentirsi "frustrata e senza speranza" riguardo all'immigrazione in Finlandia, in particolare per "le molestie e i crimini sessuali contro le donne e per le pratiche dell'Islam".

Purra ha chiesto di essere giudicata non in base a ciò che ha scritto in passato, ma alle sue azioni come deputata eletta, leader di partito e ministra del governo.

L'ennesimo caso imbarazzante per il governo finlandese (che non ha nemmeno un mese di vita), è spuntato alla vigilia della visita a Helsinki del presidente degli Stati Uniti Joe Biden. 

E gli avversari politici di Purra si sono affrettati a condannare l'episodio.

"Dal ministro delle Finanze Riikka Purra contenuti non solo razzisti ma anche violenti. Nessun rimpianto, nessuna dimissione", ha dichiarato Maria Ohisalo, ex leader dei Verdi e ministra degli Interni nell'ultimo governo.

L'europarlamentare finlandese Ville Niinistö, dei Verdi, ha scritto che "politiche e linguaggio ripetutamente razzisti la dicono lunga sul mondo di valori di una persona. Il pensiero di Rikka non è adatto al ministro delle Finanze finlandese".

Ci sono state critiche anche all'interno del partito di coalizione nazionale di Orpo: il consigliere comunale di Helsinki Otto Meri ha scritto che i vecchi post del blog di "riikka" "sono molto scioccanti".

Qual è il contesto di quest'ultimo incidente?

Da quando Euronews ha riportato la notizia delle immagini di svastiche postate sui social media dall'ex ministro dell'Economia Vilhelm Junnil, le attività dei politici finlandesi, specialmente quelli al governo, sono state oggetto di un maggiore controllo.

PUBBLICITÀ

Sebbene Junnila sia sopravvissuto a un voto di fiducia in parlamento, è stato costretto a dimettersi quando è emerso che aveva chiesto aborti di massa di donne africane per affrontare la crisi climatica.

Junnila è stato sostituito da un altro politico con una storia recente problematica.

Wille Rydman è stato un membro del partito di Coalizione nazionale del primo ministro Orpo fino all'anno scorso, quando un'inchiesta giornalistica ha portato alla luce le denunce di alcune ragazze adolescenti nei suoi confronti.

La polizia finlandese non ha accusato Rydman di stupro, ma in primavera lui ha cambiato partito presentandosi come candidato alle elezioni con Veri finlandesi.

Dopo la sua nomina a ministro dell'Economia, è emerso che la polizia sta indagando sull'eventualità che abbia utilizzato informazioni riservate dell'indagine in un libro pubblicato all'inizio dell'anno, il che potrebbe costituire una violazione della riservatezza.

PUBBLICITÀ

La nomina di Rydman è stata comunque vista come uno schiaffo a Orpo, che solo pochi mesi prima aveva condannato il suo comportamento nei confronti delle donne.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Zelensky dal vertice a Helsinki con i Paesi nordici: "Non abbiamo attaccato noi il Cremlino"

Mar Baltico: la revisione dei confini marittimi, "provocazione deliberata" del Cremlino

La Finlandia chiude a tempo indeterminato i valichi di frontiera con la Russia