EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Wagner in Bielorussia, allarme in Polonia. Duda: "Ne stiamo discutendo con gli alleati"

Stoltenberg, Duda e Rutte. (L'Aja, 27.6.2023)
Stoltenberg, Duda e Rutte. (L'Aja, 27.6.2023) Diritti d'autore Peter Dejong/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Peter Dejong/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Cristiano TassinariEuronews World - AP - Agenzie internazionali
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dagli Usa, il Segretario di Stato, Blinken, annuncia provvedimenti contro la Wagner. Il Segretario Generale della Nato, Stoltenberg, ribadisce: "Abbiamo inviato un messaggio chiaro a Mosca e Minsk: la Nato è qui per proteggere ogni alleato e ogni pezzetto di territorio dei nostri alleati"

PUBBLICITÀ

"La più grande minaccia per la Russia è il regime del presidente Vladimir Putin": lo ha dichiarato Alexey Navalny, parlando dalla sua cella tramite i social media. 

i commenti di Navalny sono i primi da parte dell'opposizione russa, in gran parte in esilio o in carcere, dopo la fallita rivolta del gruppo Wagner.

Il team di Navalny pubblica a suo nome su Twitter: 
"Non c'è minaccia maggiore per la Russia del regime di Putin. Non è stato l'Occidente o l'opposizione (...) a portare la Russia sull'orlo della guerra civile. È stato Putin personalmente a farlo, vi ricordo che ha perdonato tutti quei condannati che stavano per assassinare Shoigu e chiunque altro volessero uccidere".

La ribellione del capo del gruppo Wagner Yevgeny Prigozhin, ora in esilio in Bielorussia (anche se non ci sono testimonianze che lo confermino), ha scatenato la più grande crisi politica in Russia da decenni. 
Ma Putin sembra aver rapidamente ripreso il controllo della situazione.

Lukashenko, il mediatore

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko sostiene di essere stato decisivo nel convincere Prigozhin a porre fine alla rivolta partita da Rostov e poi di aver convinto Putin a non uccidere Prigozhin e a "perdonare" tutto il gruppo Wagner.

"Putin ha detto: non è un problema. Possiamo ucciderlo: se non la prima volta, forse la seconda.
E io ho detto a Putin: Non farlo".
Alexander Lukashenko
68 anni, Presidente della Bielorussia
AP/Belarusian Presidential Press Office
"Ho convinto io Prigozhin e Putin"...AP/Belarusian Presidential Press Office

Lukashenko ha offerto ai membri del gruppo Wagner che lasceranno la Russia, una base militare abbandonata nel sud del paese, a Osipovichi, 200 km dal confine con l'Ucraina. Ma non sarà li che verranno custodite le testate nucleari russe appena arrivate in Bielorussia.

Allarme in Polonia, messaggi da Usa e Nato

Avere il gruppo Wagner in Bielorussia sta causando allarme, soprattutto in Polonia.
Lo spiega il presidente polacco Andrzej Duda

"Vediamo cosa sta succedendo. Certo il trasferimento delle forze russe, sotto forma del gruppo Wagner, in Bielorussia e il capo del gruppo che si reca lì, sono tutti segnali molto negativi per noi.
Ne stiamo già discutendo con i nostri alleati".
Andrzej Duda
51 anni, Presidente della Polonia, dal 2015
Euronews
Duda durante l'intervista. (27.6.2023)Euronews

Da Washington, il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato che gli Stati Uniti prenderanno urgenti provvedimenti contro il gruppo Wagner, attivo anche in molti paesi dell'Africa. 

"Ovunque vada Wagner, seguono morte e distruzione", ha commentato Blinken.

Ribadisce il Segretario Generale della Nato, il norvegese Jens Stoltenberg:
"Abbiamo inviato un messaggio chiaro a Mosca e Minsk: la Nato è qui per proteggere ogni alleato e ogni pezzetto di territorio Nato".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Putin cerca di "distruggere la reputazione" del leader Wagner

Ucraina: mandati di arresto della Cpi per i generali russi Shoigu e Gerasimov per crimini di guerra

L'Ucraina non chiederà sconti sugli impegni per l'ingresso nell'Ue, secondo la negoziatrice