EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Putin ordina, Lukashenko obbedisce: "Da luglio, missili nucleari tattici russi in Bielorussia"

Il futuro del mondo si decide (anche) a tavola... (Sochi, 9.6.2023)
Il futuro del mondo si decide (anche) a tavola... (Sochi, 9.6.2023) Diritti d'autore Gavriil Grigorov/Copyright 2023 Sputnik
Diritti d'autore Gavriil Grigorov/Copyright 2023 Sputnik
Di Cristiano TassinariEuronews World - Agenzie internazionali - Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko sempre più al "servizio" della Zar di Russia. Putin si assicura i favori del suo (unico?) alleato militare, proprio mentre avanza la controffensiva ucraina

PUBBLICITÀ

Putin ordina, Lukashenko dice sì.

Dopo un incontro informale con il presidente bielorusso, venerdì 9 giugno a Sochi, Vladimir Putin (70 anni) ha dichiarato che la Russia dispiegherà armi nucleari tattiche nel territorio del suo alleato a partire dal 7-8 luglio.

Putin ha aggiunto che i lavori per la costruzione delle strutture per i missili saranno completati nelle prossime settimane e che le armi arriveranno poco dopo.

Gavriil Grigorov/Copyright 2023 Sputnik
Putin e Lukashenko, vista mare. (Sochi, 9.6.2023)Gavriil Grigorov/Copyright 2023 Sputnik

Le armi nucleari tattiche a corto raggio hanno una resa limitata e sono destinate all'uso contro le truppe sul campo di battaglia.

La Russia ha utilizzato il territorio della Bielorussia per lanciare parte della sua invasione in Ucraina nel febbraio dello scorso anno e, da allora, i due eserciti hanno intensificato la loro cooperazione militare.

La decisione di Putin, con una mossa propagandistica da "uomo forte", arriva proprio nel momento in cui l'Ucraina sta intensificando la sua controffensiva contro le forze di occupazione russe.

Per quanto riguarda Alexander Lukashenko (68 anni), l'opposizione bielorussa - per lo più esiliata all'estero, come la leader Svetlana Tikhanovskaya - ha criticato il presidente per la sua debolezza nell'accettare tutti gli "ordini" di Putin.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Blinken: "No al cessate il fuoco. Ai negoziati con Putin servirà un'Ucraina più forte"

Macron, in visita a Bratislava: "Putin ha risvegliato la Nato con il peggiore degli elettroshock"

Russia: espulso addetto militare ambasciata britannica, per Mosca è "persona non grata"