EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Ucraina, controffensiva a Zaporizhzha

Evacuazioni nella regione di Kherson a seguito delle inondazioni provocate dalla distruzione della diga Kakhovka
Evacuazioni nella regione di Kherson a seguito delle inondazioni provocate dalla distruzione della diga Kakhovka Diritti d'autore Evgeniy Maloletka/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Evgeniy Maloletka/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Prosegue la controffensiva ucraina, mentre Zelensky si è recato nella regione di Kherson per valutare i danni dopo la distruzione della diga Kakhovka

PUBBLICITÀ

Prosegue la controffensiva delle forze ucraine. Gli attacchi si sono concentrati nella regione di Zaporizhzhia, che attualmente risulta controllata per circa l'80% dalle truppe russe. Si tratta un'area considerata strategica da Kiev, poiché permette all'esercito di Mosca di collegare la penisola della Crimea con il Donbass

Due persone sono morte e altre due sono rimaste ferite nel corso di un bombardamento russo nella regione di Zaporizhzhia, che ha colpito un ospedale nella città di Gulyaipole. A renderlo noto su Telegram il capo dell'ufficio della presidenza ucraina, Andry Yermak. 

Zelensky nelle zone inondate per valutare i danni

Da parte sua, il Cremlino afferma di aver respinto l'offensiva. Al contrario, pur non rivelando dettagli, la viceministra della Difesa ucraina Hanna Maliar ha confermato su Telegram i progressi compiuti a Bakhmut e in altre città.

Nel frattempo, continuano le evacuazioni della popolazione civile, dopo la drammatica distruzione della digaKakhovka, sul Dnepr. Il numero di persone messe in salvo sulle due sponde del fiume supera le seimila unità. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si è recato a sorpresa nella regione nella giornata di giovedì per esaminare di persona i danni.

Mosca: colpiti depositi di armi e munizioni in Ucraina

Depositi di armi, munizioni e attrezzature militari di fabbricazione straniera sono stati colpiti la scorsa notte da attacchi missilistici russi in Ucraina, secondo quanto afferma il ministero della Difesa di Mosca. In un comunicato il ministero sottolinea che sono stati colpiti anche velivoli senza pilota e che in questo modo "la fornitura alle truppe ucraine nelle aree di combattimento è stata interrotta".

L'ambasciatore ucraino presso l'Onu conferma i raid sui civili

"I terroristi russi - ha dichiarato il capo di Stato - stanno cercando di aggravare ulteriormente la situazione che hanno causato. Si tratta di attacchi totalmente deliberati. Continuano a bombardare Kherson e le comunità della regione. E le bombe non risparmiano neppure i corridoi di evacuazione".

Anche l'ambasciatore dell'Ucraina presso le Nazioni Unite ha denunciato raid sui civili durante le evacuazioni rese necessarie dalle inondazioni. Il rappresentante permanente, Sergiy Kyslytsya, ha dichiarato che almeno nove persone, compresi medici e soccorritori, sono rimaste ferite. Un gruppo di Stati membri del Consiglio di Sicurezza dell'Onu ha espresso per questo "profonda preoccupazione".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Diga di Nova Kakhovka, audio top secret dei soldati russi: "Siamo stati noi"

La controffensiva ucraina sarebbe cominciata. Lo afferma l'Istituto Usa per lo studio della guerra

Il più grande ecocidio in Ucraina: migliaia di specie minacciate dal crollo della diga di Kakhovka