EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Elezioni in Turchia, l'estrema destra e quel 5% che potrebbe ribaltare il risultato

Image
Image Diritti d'autore Euronews via AP, Ali Unal - Canva
Diritti d'autore Euronews via AP, Ali Unal - Canva
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In uno scenario totalmente inedito, il voto dell'elettorato nazionalista si rivelerà decisivo nell'elezione del nuovo presidente. Il leader dell'alleanza di partiti di estrema destra, Sinan Ogan, ha espresso il suo sostegno a Erdogan, ma resta da vedere se i suoi elettori lo seguiranno

PUBBLICITÀ

Per la prima volta da quando Recep Tayyip Erdogan è salito al potere in Turchia, i cittadini turchi si trovano a dover scegliere il loro futuro leader in un ballottaggio, che vede a confronto il presidente uscente e il candidato unico dell'opposizione, Kemal Kılıçdaroğlu

La situazione inedita mette l'elettorato nazionalista e di estrema destra in una posizione di potere. Infatti, il terzo classificato, il nazionalista Sinan Ogan, ha ottenuto il 5% delle preferenze al primo turno delle presidenziali: una percentuale che potrebbe potenzialmente rovesciare Erdogan, che il 14 maggio ha ottenuto il 49,5% dei voti contro il 45% del suo principale sfidante. 

Questo scenario, in ogni caso, rimane molto improbabile, non solo perché i sondaggi danno come nettamente favorito il presidente uscente, ma anche perché martedì Ogan ha espresso pubblicamente il suo sostegno a Erdogan, glissando i tentativi di conquistarlo dell'opposizione. 

Negli ultimi giorni Kılıçdaroğlu aveva moltiplicato i suoi appelli al leader dell'estrema destra, persino inasprendo le sue posizioni sui temi cari ai partiti nazionalisti, uno su tutti la presenza di milioni di rifugiati siriani in Turchia. "Lo annuncio qui. Rimanderò a casa tutti i rifugiati non appena sarò al potere, punto e basta", ha dichiarato Kılıçdaroğlu.

"Per mesi ha parlato di inclusione, integrazione, differenza. Sai, noi daremo il benvenuto a tutti. Il nostro tavolo è aperto a tutti, ecc. E ora, nel giro di meno di dieci giorni, il candidato del CHP e il partito hanno fatto una svolta a destra", ha commentato a proposito il politologo Sinan Ciddi

Ma non è detta l'ultima parola. Sinan Ogan si è candidato alle elezioni presidenziali per conto di un'alleanza di partiti e il suo alleato Ümit Özdağ, una sorta di Jean-Marie le Pen turco, ha deciso di sostenere l'opposizione. E nessuno dei due ha la certezza di essere seguito dall'elettorato di estrema destra. 

"Siamo in acque inesplorate. Non abbiamo mai assistito alle dinamiche politiche di un secondo turno elettorale. Quindi ho l'impressione che forse stiamo sopravvalutando il valore di questi due piccoli partiti di destra", ha detto Ciddi. 

Qualunque sia il risultato di domenica, l'estrema destra è comunque riuscita a imporre i suoi temi fino alla fine della campagna elettorale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ballottaggio in Turchia: la sfida Erdoğan-Kiliçdaroglu e il gioco delle alleanze

Mitsotakis e Erdogan ad Ankara: continuano i colloqui per normalizzare i rapporti tra i Paesi

"Turchi ingrati", così i sostenitori di Erdoğan dopo la sconfitta a Istanbul e Ankara