Papa, la famiglia è cambiata ma rimane un valore-chiave

Alla diocesi di Asti, 'venire da voi è stata una consolazione'
Alla diocesi di Asti, 'venire da voi è stata una consolazione'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CITTÀ DEL VATICANO, 05 MAG - La famiglia "è una realtà che è tanto cambiata, e sta cambiando, eppure la famiglia rimane un valore-chiave". Lo ha detto il Papa incontrando in Vaticano i pellegrini arrivati dalla diocesi di Asti. "Gesù - ha proseguito Papa Francesco - ha radicalmente rinnovato la famiglia, per cui il legame più forte, più importante per noi cristiani non è più quello di sangue, ma è l'amore di Cristo. Il suo amore trasforma la famiglia, la libera dalle dinamiche dell'egoismo, che derivano della condizione umana e dal peccato, la libera e la arricchisce di un legame nuovo, ancora più forte ma libero, non dominato dagli interessi e dalle convenzioni della parentela, ma animato dalla gratitudine, dalla riconoscenza, dal servizio reciproco". Poi ha ricordato la sua visita in Piemonte: "Quella giornata e mezza che ho passato tra voi per me è stata una consolazione", "un po' tornare alle radici", "un momento di grande calore umano - fatto con legna piemontese, che non scalda subito, ma dopo un po' di tempo e poi dura! -. Un momento di famiglia, in senso ampio: famiglia di origine, le radici, gli incontri con i miei parenti; famiglia della Chiesa, la celebrazione nella Cattedrale, con la partecipazione di tutto il popolo di Dio; e poi famiglia della comunità civile, la collaborazione con le Autorità, la presenza della gente". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, il re di Giordania a Israele: "Non si continui la guerra durante il Ramadan"

Parigi: riapre la Torre Eiffel, accordo tra sindacati e direzione

Zelensky: "Dall'inizio della guerra morti 31mila soldati ucraini"