EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La fame nel mondo colpisce 250 milioni di persone

Fame nel mondo in aumento
Fame nel mondo in aumento Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il numero dei bisognosi è aumentato negli ultimi quattro anni.

PUBBLICITÀ

In tutto il mondo 250 milioni di persone soffrono di grave insicurezza alimentare e sono costrette a fare affidamento su programmi di aiuto internazionali per sopravvivere. Questa è la preoccupante conclusione di un rapporto sostenuto dall'ONU e dall'UE che allerta su una crisi che interessa tantissimi Paesi e che negli anni non ha fatto che peggiorare.

Il numero dei bisognosi infatti è aumentato negli ultimi quattro anni. Questa situazione drammatica è il risultato di diverse cause: le tensioni interne, le guerre, la crisi climatica...

La guerra in Ucraina ha peggiorato la situazione

Tra le cause c'è però anche la situazione geopolitica. La guerra in Ucraina ha avuto un impatto significativo sui sistemi alimentari globali nel 2022, afferma il rapporto. L'accordo sull'esportazione di grano firmato grazie alla mediazione delle Nazioni Unite ha alleviato solo in parte il problema, e l'invasione ha avuto un pesante impatto sulle forniture mondiali.

Gli autori del rapporto affermano che i governi devono concentrarsi sull'anticipazione e sulla prevenzione per combattere in maniera efficace la fame nel mondo, e affrontare le cause alla radice delle carenze alimentari, piuttosto che reagire dopo che si sono verificate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bosnia: leader del territorio serbo minaccia la secessione prima del voto su Giornata della memoria

Gaza, sistema sanitario "in ginocchio" per l'Onu: palestinesi costretti a vivere tra i rifiuti

Gaza ricorda la Nakba di 76 anni fa mentre l'offensiva a Rafah est costringe i rifugiati alla fuga