EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

La Repubblica serba di Bosnia contro la proposta all'Onu di Sarajevo: una giornata per Srebrenica

Il leader della Bosnia serba Milorad Dodik durante una parata militare per il 31esimo anniversario della Repubblica di Srpska in Istocno Sarajevo, Bosnia, 9 gennaio 2023
Il leader della Bosnia serba Milorad Dodik durante una parata militare per il 31esimo anniversario della Repubblica di Srpska in Istocno Sarajevo, Bosnia, 9 gennaio 2023 Diritti d'autore Armin Durgut/Armin Durgut
Diritti d'autore Armin Durgut/Armin Durgut
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Oltre al leader della Repubblica Srpska Milorad Dodik, anche il presidente serbo Aleksandar Vučić ha espresso il suo disappunto per la bozza di risoluzione che verrà presentata a breve all'Assemblea generale dell'Onu. Secondo Dodik una sua approvazione minerebbe la sopravvivenza stessa del Paese

PUBBLICITÀ

La Republika Srpska "dovrà affrontare decisioni difficili" ha dichiarato il presidente della regione a maggioranza serba della Bosnia ed ErzegovinaMilorad Dodik dopo aver incontrato giovedì a Belgrado il presidente serbo Aleksandar Vučić

Dodik ha detto di aver fatto tutto il possibile per convincere Vucic a sostenere queste "decisioni", senza specificarne la natura. Ma entrambi i leader hanno espresso il loro disappunto per una bozza di risoluzione che le autorità di Sarajevo vogliono presentare all'Assemblea generale delle Nazioni Unite: il testo, se approvato, istituirebbe la Giornata internazionale di riflessione e ricordo del genocidio di Srebrenica, del 1995, l'11 luglio. 

La bozza sarà presentata "in una più ampia riunione a porte chiuse dei Paesi dell'Onu" il 17 aprile e probabilmente sarà votata il 2 maggio.

Banja Luka teme la marginalizzazione dei serbi bosniaci

Sia nella Repubblica serba di Bosnia che in Serbia si teme che la risoluzione possa portare a una "graduale esclusione" dei serbi dall'amministrazione pubblica della Bosnia ed Erzegovina e che possa "sollevare dubbi" sulla legalità dell'esistenza stessa della Repubblica Srpska come parte piuttosto indipendente del Paese. 

Dodik ha dichiarato che "la Bosnia ed Erzegovina potrebbe non sopravvivere" alla risoluzione Onu e non ha escluso che lo sviluppo degli eventi possa portare all'indipendenza della Repubblica serba. 

Schmidt: Vučić non sosterrebbe le istanze di indipendenza della Repubblica Srpska

L'Alto rappresentante per la Bosnia ed Erzegovina Christian Schmidt, in un'intervista a Euronews Serbia, ha ipotizzato che una tale mossa difficilmente sarebbe sostenuta da Belgrado.

"Nessuno dovrebbe mettere in discussione l'integrità territoriale e la sovranità della Bosnia ed Erzegovina. Tra l'altro il presidente Vučić non lo fa mai. Egli rappresenta uno Stato firmatario di Dayton [l'accordo che mise fine alla guerra in Bosnia ed Erzegovina, ndr]. Questo non dovrebbe mai essere messo in discussione, è la base di uno sviluppo pacifico del Paese", ha detto Schmidt. 

A parte Belgrado, Dodik non ha molti alleati. Ha contatti con il leader ungherese Viktor Orbán, che di recente ha accolto a Banja Luka insignendolo dell'ordine supremo della Repubblica Srpska. E ha anche Mosca: in Russia i media statali parlano delle probabili conseguenze della risoluzione, definendola "un tentativo occidentale di eliminare i serbi".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bosnia: a Sarajevo la passerella con migliaia di scarpe in ricordo dell'assedio

Orbán a Sarajevo: faremo il possibile per sostenere l'adesione Ue della Bosnia-Erzegovina

L'Ue apre i negoziati di adesione con la Bosnia-Erzegovina