EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

25 aprile: per San Marco a Venezia la festa del 'bocolo'

Riproposta antica tradizione, in piazza rosa umana gigante
Riproposta antica tradizione, in piazza rosa umana gigante
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VENEZIA, 25 APR - I veneziani hanno rinnovato oggi - nella giornata che coincide con la Festa della Liberazione e del patrono San Marco - l'antica tradizione del ''bocolo'', cioe' il bocciolo viene offerto a tutte le donne, madri, mogli o fidanzate da chi vuole bene loro. Nel centro storico, ma anche in terraferma, le fiorerie ed i chioschi all'aperto hanno lavorato a gran ritmo per tutta la mattinata per accontentare mariti e fidanzati che si ''dovevano'' presentare dalla propria amata con in mano il tradizionale bocciolo. In Piazza San Marco a Venezia è tornata la spettacolare performance, in parte rovinata dalla pioggia, che ha visto decine di volontari darsi appuntamento per 'costruire' un bocolo gigante con 850 metri quadrati di petali rossi e 150 metri quadrati di verde per riprodurre bocciolo e gambo visibile dall'alto del campanile e dai ballatoi della Basilica. Proprio a San Marco alza bandiera lungo i pili cinquecentesci e in Basilica messa solenne officiata dal Patrirca Francesco Moraglia. Per la città la Big Vocal Orchestra, un gruppo di oltre 200 coristi, è andata nei luoghi simbolo della storia locale portando la propria voce. La leggenda del bocolo fa rivivere, nella gioia, una triste storia che vede protagonista un giovane non nobile, Tancredi, e una nobile giovanetta Vulcania, innamorati l'uno dell'altra ma impossibilitati a sposarsi per il veto della famiglia di lei. Al giovane, secondo la tradizione, non resta che cercare fortuna con la flotta veneziana nel tentativo di acquisire ricchezza e fama. Un destino avverso pero' lo porta alla morte in battaglia, nei pressi di un cespuglio di rose. Un fiore, macchiato del suo sangue verra' portata in dono, a testimonianza dell'estremo sacrificio per amore, alla giovane veneziana che vinta dal dolore morira' a sua volta con il bocciolo tra le braccia. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nuova Caledonia: sesta vittima durante le proteste

Maltempo in Europa: allerte per inondazioni in Germania e Francia

Guerra in Ucraina: diecimila sfollati nella regione di Kharkiv