Eid al-Fitr: il mondo musulmano celebra la fine del Ramadan

Desiderio di pace, guardando la Moschea di al-Aqsa, a Gerusalemme.
Desiderio di pace, guardando la Moschea di al-Aqsa, a Gerusalemme. Diritti d'autore Mahmoud Illean/Copyright 2023 The AP All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Anche quest'anno la festività di Eid al-Fitr, che celebra la fine del mese di Ramadan, arriva in un momento di forti tensioni e violenze, in particolare tra Israele e Palestina. Cinque feriti in un centro islamico a Vicenza, parzialmente crollato durante le preghiere. 20mila fedeli a Torino

PUBBLICITÀ

Davanti alla Moschea di al-Aqsa, nella Città Vecchia di Gerusalemme, i fedeli musulmani osservano la luna nuova e pregano al mattino, nel primo giorno della festa di Eid al-Fitr, che segna la fine del mese di Ramadan.

Anche quest'anno, la festività arriva in un momento di forti tensioni e violenze, in particolare in Medio Oriente, tra Israele e Palestina.

Nel resto del mondo musulmano, i festeggiamenti sono offuscati dalle furiose battaglie in corso in Sudan e dalla tragedia avvenuta in una scuola di Sana'a, la capitale dello Yemen.

Incidente a Vicenza

Cinque persone sono rimaste ferite nel crollo di una scala all'interno di centro culturale islamico, a Vicenza.
L'incidente è avvenuto venerdì 21 aprile poco dopo dopo le 7, alla fine della preghiera che chiudeva il Ramadan.
All'interno della struttura, che funge da piccola moschea, erano presenti oltre un migliaio di fedeli.

Secondo i primi riscontri, la scala interna non avrebbe retto il peso delle persone, piegandosi, per poi cedere. Uno dei fedeli è rimasto intrappolato tra le lamiere. L'uomo è poi stato liberato dall'intervento dei vigili del fuoco, accorsi rapidamente sul posto assieme alle ambulanze del 118.

In 20mila a Torino

In 20mila sotto la tettoia di Parco Dora per pregare per la fine del Ramadan: tanti i torinesi di fede islamica, uomini, donne e bambini, che questa mattina si sono riuniti per la cerimonia per la festa di Eid al-Fitr che celebra la conclusione del mese di digiuno e purificazione.
Sul palco, insieme ai rappresentanti del Tavolo di coordinamento dei Centri di cultura islamica, le istituzioni cittadine e regionali, i membri del Comitato interfedi della Città e il delegato del Vescovo.

"Siamo contenti per tanti motivi di essere qui e di tornare a celebrare questa festa tutti insieme dopo quasi 4 anni.
Sento sulle mie spalle la grande responsabilità di rappresentare una comunità, quella torinese, fatta di tante componenti che si integrano, lavorano insieme e costruiscono l'essenza stessa di
Torino, che nella sua storia è sempre stata capace di accogliere e integrare. E io sono qui per esprimervi il nostro grazie per quello che fate per la città tutti i giorni, per il rispetto che avete per la città e per il lavoro comune per una città sempre più aperta e integrata".
Stefano Lo Russo
Sindaco di Torino

Grazia in Tunisia

La presidenza tunisina ha annunciato la concessione della grazia speciale per 474 detenuti, che saranno rilasciati: la decisione coincide con la festa per la fifine del Ramadan.

Da parte sua, il presidente tunisino Kais Saied ha salutato il popolo e la Ummah islamica in questa occasione con un discorso pronunciato nella moschea Zitouna della capitale e trasmesso dalla tv di Stato tunisina.

Francisco Seco/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Istanbul (Turchia).Francisco Seco/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Indonesia, il Ramadan è iniziato giovedì: folle di fedeli in preghiera

Il Ramandan dei detenuti somali

Eid al-Fitr: festeggiare la fine del Ramadan a Roma