Senzatetto ucciso a Udine, si cerca arma delitto

Indagini a tutto campo, riserbo della Procura. Attesi sviluppi
Indagini a tutto campo, riserbo della Procura. Attesi sviluppi
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - UDINE, 16 APR - Si sono mobilitati anche i sommozzatori dei Vigili del fuoco, giunti da Trieste, per cercare l'arma dell'omicidio di Luca Tisi, il senzatetto di 58 anni ucciso in una galleria di Udine. Si stanno scandagliando rogge e corsi d'acqua della zona nella convinzione che l'assassino si sia disfatto del coltello subito dopo aver colpito a morte la vittima. Tisi è stato ucciso con numerose coltellate: quella fatale gli è probabilmente stata inferta alla gola, ma sarà l'autopsia a stabilire la causa del decesso. Dalla Procura della Repubblica c'è il riserbo più assoluto ma gli investigatori, che si stanno muovendo in ogni direzione, starebbero privilegiando alcune piste in particolare, dopo aver visionato i filmati delle telecamere di videosorveglianza. Non sono esclusi sviluppi nelle prossime ore. Per ora non si privilegiano moventi di sorta. Per il momento non trova conferma tra gli inquirenti nemmeno l'ipotesi che sembrava accreditata, dell'esecuzione compiuta da una banda di ladri che il senzatetto poteva aver riconosciuto durante un furto in zona. Al proposito, alcuni residenti hanno denunciato proprio un aumento di furti in quell'area della città nell'ultimo periodo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia, legge sugli "agenti stranieri": arresti in piazza e scontri in Parlamento

Le notizie del giorno | 16 aprile - Serale

Commissione Ue: Pieper rinuncia, ombre su von der Leyen a pochi mesi dalle elezioni