EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

A Pesaro rimossa e fatta brillare bomba d'aereo da 500 libbre

Ordigno bellico rinvenuto il 28 marzo in un cantiere stradale
Ordigno bellico rinvenuto il 28 marzo in un cantiere stradale
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PESARO, 16 APR - Si è conclusa oggi l'attività di bonifica del territorio coordinata dalla Prefettura di Pesaro Urbino e dal Comando delle Forze Operative Nord di Padova e condotta dagli artificieri dell'Esercito Italiano ed effettivi al Reggimento Genio ferrovieri di Castel Maggiore per la distruzione di una bomba d'aereo UK mod GP MK V da 500 libre presso la cava "Stroppato" di Pesaro. L'ordigno era stato rinvenuto il 28 marzo presso un'area cantieristica per i lavori di realizzazione della bretella "urbinate" dell'autostrada A14 presso Strada del Montefeltro. La bomba, risalente alla Seconda Guerra Mondiale, era in perfetto stato di conservazione, ma inerte perché priva dei congegni di attivazione. La distruzione è avvenuta in due distinte fasi: nella prima gli artificieri del Reggimento ferrovieri hanno trasportato l'ordigno presso la cava "Stroppato"; nella seconda si è provveduto al brillamento e alla distruzione in sicurezza dell'ordigno. Gli artificieri hanno realizzato un "fornello" atto a contenere l'ordigno, successivamente ricoperto con materiale inerte a bassa granulometria, e in ultimo mediante azione controllata a distanza ed in massima sicurezza, hanno provveduto alla distruzione del manufatto rinvenuto. L'esperienza degli specialisti dell'Esercito di Castel Maggiore testimoniata dai 370 interventi svolti nel corso dell'ultimo anno, nella propria area di competenza (Marche, Umbria e province di Bologna, Forlì Cesena, Rimini e Firenze), ha permesso l'ottima riuscita dell'attività, fa sapere la Prefettura. Il prefetto Emanuela Saveria Greco ha ringraziato tutte le componenti interessate per le complesse e delicate operazioni di bonifica, a cominciare dagli specialisti dell'Esercito, le forze di polizia, i vigili del fuoco, il Comune di Pesaro, la Provincia di Pesaro Urbino, la Croce Rossa Italiana, il Servizio 118, l'Enac e la Società Autostrade spa. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni Europee 2024, dibattito candidati leader su bilancio, difesa comune e commercio con la Cina

Mandati d'arresto per Netanyahu e Gallant, l'Unione europea si divide

Israele sequestra attrezzatura Ap e blocca diretta su Gaza: ha usato la legge anti Al Jazeera