Sisma L'Aquila: Bernini, Ateneo parte rinascita della città

Ministro Università ad inaugurazione anno accademico
Ministro Università ad inaugurazione anno accademico
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - L'AQUILA, 05 APR - Il ministro dell'Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini ha aperto la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2022-2023 dell'Università degli Studi dell'Aquila. Una cerimonia che coincide con il 14/o anniversario del terremoto del 6 aprile 2009. "L'importanza di questa giornata la conosciamo tutti - ha detto arrivando all'Aquila -. Siamo al quattordicesimo anniversario di un evento drammatico che ha cambiato per sempre, purtroppo, la faccia dell'Aquila, e ha lasciato nell'Italia tutta un ricordo che stiamo emendando grazie alla grande, grandissima forza del lavoro che L'Aquila ha fatto su sé stessa". "E devo dire - ha sottolineato - che l'Università è una rappresentazione di questo lavoro". Una tragedia che lascia i segni. "Il terremoto è stato devastante - ha commentato il ministro - e ancora, dopo 14 anni, è troppo vivo il ricordo dei morti per poter dire che qualcosa di positivo è scaturito. Eppure è incredibile come sempre vedere la reazione straordinaria di chi ha ricominciato per sé ma soprattutto in memoria di quelli che non ci sono più. Proprio ora con il sindaco, Pierluigi Biondi, stavamo parlando di un nuovo studentato orizzontale, un progetto bellissimo che si farà qui all'Aquila, un centro sportivo in una delle aree che hanno ospitato gli sfollati. Da qui al 2026 abbiamo tante opportunità verso cui l'Università dell'Aquila ha mostrato interesse". Un messaggio di speranza. "Un senso - ha rimarcato Bernini - che ho vissuto io sin dal 2009, quando ero già in politica, da poco. Proprio quel giorno del terremoto lo ricordo benissimo. Ricordo ancora quel centro storico gelido dove si sentiva una eco diversa perché la zona non era più antropizzata, ma ricordo anche che ogni volta che tornavo c'era qualcosa in più". "La forza dell'Aquila - ha detto ancora - è quella di avere dato tutta sé stessa per ripartire il più velocemente possibile. E questo sicuramente è anche grazie alla capacità di fare sistema con gli enti locali e con le altre realtà sul territorio. Questa - ha concluso - la metafora della resilienza aquilana: solo insieme si fano le cose grandi, importanti". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria: al via la campagna elettorale in vista delle europee e comunali del 9 giugno

Kosovo: referendum per rimuovere 4 sindaci di etnia albanese

Giornata della Terra 2024: la sfida del Pianeta contro l'inquinamento da plastica