EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Per la Cassazione stile Cucinelli è "unico"

Secondo i giudici Fabiana Filippi non nuoce al re del cachemire
Secondo i giudici Fabiana Filippi non nuoce al re del cachemire
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 05 APR - Le creazioni di Brunello Cucinelli, il re del cachemire' made in Umbria, non hanno nulla da temere, sul piano della concorrenza, dall'offerta sul mercato di prodotti molto più commerciali, creati da altri marchi di moda, che tentano di rifargli "il verso". A dirlo è la Cassazione. Per questo motivo, gli 'ermellini' hanno respinto il ricorso di Brunello Cucinelli spa contro Fabiana Filippi spa alla quale l'imprenditore contestava atti di concorrenza sleale. Con ricorso al Tribunale civile di Firenze, e poi alla Corte di Appello del capoluogo toscano, sezione specializzata nella tutela delle imprese, Cucinelli aveva chiesto che fosse accertata la contraffazione da parte della 'Fabiana Filippi' di alcuni capi di abbigliamento e di accessori della sua produzione e che fossero accertati gli "atti di concorrenza sleale pure messi in essere dalla Filippi in suo danno, imitandone il gusto e la tendenza, riproducendone lo stile nella etichettatura, nel confezionamento e nell'allestimento dei punti vendita e generando così confusione tra i clienti, che percepivano le creazioni della Filippi come una linea economica della Cucinelli". Nel respingere il reclamo di Cucinelli, come accaduto anche in primo grado, la Corte fiorentina rilevava che "in relazione alla pretesa confusione indotta nella clientela" il fatto che "le creazioni della Fillippi potessero considerarsi come una linea economica della Cucinelli "escludeva "ogni rischio confusorio", e peraltro, si notava, 'il re del cachemire' non "dispone di una linea economica". Ad avviso della Cassazione, è poi da condividere il verdetto della Corte di Appello che è arrivata alla conclusione che "la qualità e lo stile complessivo della Brunello Cucinelli spa non risulta(vano) oggetto di copia suscettibile di confusione presso la clientela" e dicendo questo, rilevano gli 'ermellini nel verdetto depositato dalla Prima sezione civile', si intende dire "che le creazioni della Cucinelli non sono confondibili in quanto recano in sé un'impronta, un gusto, uno stile che ne fanno delle creazioni del tutto uniche". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Repubblica Democratica del Congo, il portavoce dell'esercito: "Sventato un tentativo di golpe"

Iran: atterraggio brusco per l'elicottero del presidente Raisi, maltempo complica le ricerche

Guerra in Ucraina: entrata in vigore la legge sulla mobilitazione, cosa prevede