EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La nuova opera di Laika a Via Rasella, s'intitola Dimissioni!

Un nazista con trombone per poster dedicato a gappista Musu
Un nazista con trombone per poster dedicato a gappista Musu
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 03 APR - All'alba del 3 aprile, in via Rasella a Roma, è apparsa una nuova opera della Street Artist Laika, dal titolo "Dimissioni!" Il poster raffigura un soldato nazista che suona un trombone dal quale esce la parola "dimissioni!". L'opera è una esplicita critica alle dichiarazioni del presidente del Senato Ignazio La Russa che pochi giorni fa ha definito gruppo di pensionati i membri della Bozen uccisi nell'attentato di via Rasella. "È inammissibile!", dichiara l'artista, "che la seconda carica dello Stato si permetta di fare affermazioni del genere: è un becero tentativo di revisionismo storico. Non è la prima volta se pensiamo alle frase della premier Meloni sull'eccidio delle fosse Ardeatine "Uccisi perché italiani". Trasformare, a distanza di anni, dei militari del Polizeiregiment Bozen, quindi nazisti, "in musicisti semi-pensionati (impossibile data la giovane età dei soldati), è un insulto a tutte le vittime del nazifascismo (oltre a tutti i poveri musicisti "semi pensionati"). Non ricordo di aver letto di tromboni, violini e tamburi in quel di via Rasella. Ricordo invece le gesta eroiche dei partigiani contro l'invasore. Un presidente del Senato dovrebbe, come minimo, conoscere la storia del proprio paese. I nostri nonni hanno lottato e sacrificato la loro vita per porre fine alla dittatura fascista. Certe affermazioni sono intollerabili. Non c'è spazio per i fascisti in questo paese, tantomeno al governo. Il presidente La Russa non è degno di rappresentare quella carica: dovrebbe dimettersi e studiare bene la storia". Laika dedica questo poster a Marisa Musu, partigiana, gappista, che quel 23 marzo del 1944 era presente a via Rasella e "ai nostri nonni" che hanno sacrificato la vita per un paese democratico (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia: maxi finanziamento per rafforzare il confine con Bielorussia e Russia

Maltempo: in Francia e Belgio case allagate e auto sommerse

Guerra a Gaza: scontro tra Gantz e Netanyahu, morti oltre 80 palestinesi e due soldati israeliani