EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ricorso in appello, gli zii di Serena Mollicone vanno avanti

Dopo 22 anni il delitto senza responsabili,pm contro assoluzioni
Dopo 22 anni il delitto senza responsabili,pm contro assoluzioni
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - L'assoluzione non può essere l'ultima parola sul mistero, perché tale è rimasto, della morte di Serena Mollicone, la liceale 18enne di Arce, in provincia di Frosinone, trovata morta il 3 giugno 2001 nel bosco dell'Anitrella. E' questa la determinazione della Procura e della famiglia di Serena, gli zii e la sorella, che oggi hanno depositato il ricorso in Appello contro la sentenza della Corte d'assise di Cassino che ha assolto tutti gli imputati. A depositare il ricorso sono stati il sostituto procuratore Maria Beatrice Siravo e gli avvocati dello zii Antonio e Armida Mollicone, della sorella Consuelo e della famiglia del brigadiere Santino Tuzi), morto suicida l'11 aprile del 2008. Il 15 luglio scorso la corte d'assise di Cassino aveva assolto dalle accuse di omicidio volontario ed occultamento di cadavere il maresciallo Franco Mottola, ex comandante della caserma dei carabinieri di Arce, la moglie Anna Maria ed il figlio Marco. Assolti anche i carabinieri accusati di favoreggiamento nei confronti del loro comandante: l'allora vice comandante della stazione di Arce maresciallo Vincenzo Quatrale e l'appuntato Francesco Suprano. Il ricorso arriva dopo 22 anni di indagini, false piste, colpi di scena. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Genocidio di Srebrenica, sì dell'Assemblea Onu a una giornata commemorativa: sarà l'11 luglio

Le notizie del giorno | 23 maggio - Serale

Salis esce dal carcere: ai domiciliari in Ungheria in attesa di processo ed elezioni europee