Giudice: 'La 'ndrangheta lombarda si basa su nuove reclute'

'Metodi mafiosi ma con obiettivi criminali comuni', 34 condanne
'Metodi mafiosi ma con obiettivi criminali comuni', 34 condanne
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 20 MAR - L'evolversi della 'ndrangheta in Lombardia ha "portato ad un arricchimento del panorama umano di riferimento, posto che le locali", ossia i clan, "si compongono non solo di personalità mafiose già note, ma anche di nuove generazioni, nuove reclute e, soprattutto, nuovi meccanismi osmotici rispetto al contesto storico e geografico di riferimento". E ciò genera "situazioni, anche nuove, caratterizzate da una mescolanza di strumentalizzazione del metodo e della matrice mafiosa con il perseguimento di obiettivi criminali più comuni". È il quadro delineato, in particolare in un passaggio sull'esigenza di "parametrare la pena al caso concreto", nelle quasi mille pagine di motivazioni della sentenza del gup di Milano Lorenza Pasquinelli nel maxi processo in abbreviato che, lo scorso dicembre, si è chiuso con 34 condanne per un totale di oltre 200 anni di reclusione: pena più alta, 11 anni e 8 mesi, per lo storico boss della 'ndrangheta in Lombardia Bartolomeo Iaconis. Un verdetto seguito al blitz del 16 novembre 2021 nella tranche lombarda di una maxi inchiesta contro la cosca dei Molè-Piromalli, coordinata anche dalle Dda di Reggio Calabria e Firenze. Dagli atti dell'indagine milanese 'Cavalli di razza', condotta dalla Squadra mobile di Milano e della Gdf di Como e coordinata dai pm Pasquale Addesso e Sara Ombra, con al centro la 'locale' di Fino Mornasco (Como), era emerso anche che Attilio Salerni (condannato a 8 anni) e il fratello Antonio (8 anni e 4 mesi) sarebbero stati gli esecutori materiali "di violenze e minacce nei confronti dei dirigenti" della Spumador Spa, azienda di bevande gassate finita nella morsa dei clan e per la quale era stata disposta l'amministrazione giudiziaria per infiltrazioni mafiose, poi revocata. Alla Spumador è stata anche riconosciuta una provvisionale di risarcimento di 100mila euro. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Cina forza critici e dissidenti al rimpatrio: 27 casi nell'Ue, 9 in Italia

Il regno degli sport da racchetta in Qatar, dal tennis al padel

Elezioni anticipate in Croazia, urne aperte per rinnovare il Parlamento