Violenze a Capodanno, il pm di Milano chiede due condanne

La sentenza per un 22enne accusato dell'episodio più grave
La sentenza per un 22enne accusato dell'episodio più grave
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 17 MAR - Quattro anni di reclusione per il 20enne Abdel Fatah e sei anni per il 19enne Mahmoud Ibrahim, due dei giovani che avrebbero fatto parte del "branco" che ha aggredito delle ragazze, vittime di abusi sessuali nella notte del Capodanno 2022 in piazza Duomo, a Milano. Sono le richieste di condanna formulate oggi nel processo con rito abbreviato, con al centro l'accusa di violenza sessuale di gruppo, dal pm Alessia Menegazzo, titolare dell'inchiesta condotta dalla Squadra mobile. I due imputati, assieme ad altri giovani, almeno una trentina, quella notte, come ha ricostruito il pm nella requisitoria, hanno creato una "barriera umana", un "muro", agendo con la "forza intimidatrice del branco", tanto che le ragazze rimanevano "paralizzate, qualsiasi azione veniva loro impedita, erano senza via di fuga, senza scampo". Cadevano a terra, ha spiegato ancora il pm, "sui cocci di vetro" delle bottiglie rotte e "piene di sangue subivano le violenze", con i giovani che "le lanciavano da una parte all'altra come oggetti, come se fossero borse o cellulari". La sentenza nel processo, davanti al gup di Milano Marta Pollicino, arriverà il 4 maggio. Sei le ragazze "persone offese", ossia vittime, in questo procedimento, due delle quali si sono costituite parti civili, coi legali Silvia Allai e Carlo Pellegri. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Come viene visto l'attacco a Israele in Iran?

Vendetta, geopolitica e ideologia: perché l'Iran ha attaccato Israele

Gaza, Hamas rifiuta la proposta israeliana di cessate il fuoco e difende Teheran: Attacco meritato