EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Dodici quintali di hashish su Tir fra carote e patate, 3 arresti

Carabinieri stroncano traffico da Spagna alla provincia di Pavia
Carabinieri stroncano traffico da Spagna alla provincia di Pavia
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 17 MAR - Oltre 1.250 di hashish nascosti in un autoarticolato tra carote e patate, giunto dalla Spagna in un capannone di Redavalle (Pavia), in Oltrepò Pavese sono stati sequestrati dai carabinieri. A questi se ne aggiungono altri 125 chili che erano stati scoperti nelle scorse settimane in un'abitazione di Rea (Pavia). A portare a termine l'indagine sono stati i militari del nucleo radiomobile della compagnia di Stradella (Pavia) che hanno sequestrato anche 1,4 chili di cocaina pura e 130mila euro in contanti e hanno arrestato in flagranza un 34enne e un 31enne di nazionalità marocchina, e un 24enne di origine marocchina e nazionalità italiana. L'accusa è di detenzione ai fini di spaccio in concorso. L'inchiesta ha portato prima al ritrovamento, nell'appartamento di Rea, preso in affitto da uno dei tre arrestati e utilizzato come deposito, di 125 chili di hashish. L'interessato - secondo la ricostruzione dei militari - ha scelto quindi un luogo più idoneo per lo 'stoccaggio' dello stupefacente, un capannone nella zona industriale di Redavalle. Qui i carabinieri, nella notte del 16 marzo, hanno visto entrare il camion carico di hashish proveniente dalla Spagna e sono entrati in azione, arrestando i tre e sequestrando la droga. Da quanto è emerso dall'attività investigativa, l'hashish finiva sul mercato di numerose province del Nord Italia: Piacenza, Bologna, Monza e Brianza, Vicenza, Verona e Alessandria. Gli scambi non erano mai di modica quantità ma sempre di decine di chili per volta, movimentando decine di migliaia di euro a settimana. Per effettuare gli spostamenti e le consegne, gli arrestati utilizzavano numerose auto (prese a noleggio di volta in volta o intestate a prestanome) e le effettuavano singolarmente e mai insieme. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Uefa multa Serbia e Albania e indaga sulla Croazia: Euro 2024 riaccende le faide balcaniche

Gaza: diverse vittime in attacchi a un istituto d'assistenza e una clinica

Arabia Saudita: oltre 1.300 morti durante il pellegrinaggio Hajj alla Mecca