Ragazzini si fanno foto sui binari, appello del Siulp

A Bologna l'8 marzo fu interrotta la circolazione ferroviaria
A Bologna l'8 marzo fu interrotta la circolazione ferroviaria
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 14 MAR - Tre ragazzini sui 12 anni in mezzo ai binari, intenti a scattarsi foto. Un passante li ha segnalati l'8 marzo a Bologna, al bivio Santa Viola: la Polfer ha subito interrotto la circolazione, li ha monitorati in diretta dalle telecamere e ha inviato sul posto le pattuglie, ma i tre sono corsi via, dividendosi. Sulla tragedia sfiorata, dopo il caso in Valtellina, fa un appello il Siulp di Bologna. "Non ci arrenderemo - dice il segretario Amedeo Landino - finché non troveremo quei tre ragazzi per raccontargli il gravissimo rischio che hanno corso, andremo nelle scuole della zona, nei parchi vicini, facendo comprendere che ci siamo". E' successo poco dopo le 13 nei pressi di via del Triumvirato, dove corrono le linee AV per Milano, Porrettana e Verona, prima di dividersi. "Proprio per evitare queste pericolose 'bravate' - dice Landino, che sottolinea la "bravura e prontezza degli operatori radio" - il Siulp è impegnato in un percorso di sensibilizzazione nelle scuole, ma la stessa Polizia ferroviaria attraverso i progetti 'Train to be cool' e 'Incroci' favorisce un percorso di consapevolezza e approfondimento dei rischi in ambito ferroviario. Quanto accaduto ci preoccupa e non poco, ecco perché vogliamo lanciare un appello accorato sui pericoli che sono legati alla circolazione dei treni, per far comprendere a chiunque, ma soprattutto ai più giovani, che la vita vale più di un selfie. Dobbiamo spiegarlo nelle scuole, raccontarlo in famiglia, condividerlo con i compagni di classe, tra amici, fratelli e sorelle, a chiunque abbia a cuore le future generazioni". Obiettivo è anche trovare i tre ragazzi e soprattutto spiegare loro "che la Polizia di Stato c'è, tutte le Forze dell'ordine ci sono, soprattutto nell'obiettivo prioritario di rafforzare la rete di protezione attorno ai nostri giovani, con l'unico scopo di spiegare loro che, senza saperlo, hanno messo a repentaglio il loro domani". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sydney, attacco con coltello in una chiesa: feriti diversi fedeli e il vescovo, nessuna vittima

Olimpiadi di Parigi 2024, allerta per la sicurezza: dubbi sulla cerimonia di apertura sulla Senna

Roma, allerta per la sicurezza. L'ambasciatore israeliano: "Minacce anche in Italia"