Ucciso in piazza: ex assessore chiede giudizio immediato

"Scelta sorretta da volontà chiarire fatti in pubblico processo"
"Scelta sorretta da volontà chiarire fatti in pubblico processo"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PAVIA, 11 MAR - Massimo Adriatici, ex assessore alla sicurezza di Voghera (Pavia), imputato per eccesso colposo di legittima difesa per la morte di Youns El Bossettaoui, ucciso nel luglio del 2021 da un colpo sparato dalla pistola dell'ex uomo politico, rinuncia all'udienza preliminare e ha chiesto il giudizio immediato, decidendo quindi di affrontare direttamente il dibattimento. Una scelta, spiega il suo legale Gabriele Pipicelli, "sorretta dalla volontà di chiarire i fatti in un pubblico processo, evitando così il rinnovarsi della diffusione, come purtroppo più volte avvenuto in passato a cura di alcuni social web e di una limitata parte della stampa, di notizie non corrispondenti ai fatti e alle risultanze delle indagini". Secondo l'avvocato Pipicelli, "già dalla lettura delle fonti di prova puntualmente indicate nella richiesta di rinvio a giudizio si evincono elementi che sconfessano affermazioni diffamatorie e distorte che sono state diffuse nei confronti dell'imputato al di fuori e prima del giusto processo cui ha diritto". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, il leader in Turingia dell'Afd a processo per uno slogan nazista

Accoltellamento in Australia, all'eroe francese un visto di residenza permanente

Ritiro delle truppe dal Karabakh dove i russi erano forza di pace