Ritrovano dopo 40 anni il prof malato,'ora lo accudiamo noi'

Anziano e solo, è ricoverato all'Ospedale di Vicenza
Anziano e solo, è ricoverato all'Ospedale di Vicenza
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VICENZA, 03 MAR - Hanno passato al setaccio tutti i reparti ospedalieri di Vicenza, interrogato i vicini e riannodato dopo 40 anni i fili della comunicazione tra compagni di classe: il tutto per ritrovare Umberto Gastaldi, 82 anni, professore di filosofia negli anni '80 a Torino, ricoverato all'Ospedale San Bortolo di Vicenza e poi in una rsa. Protagonista della storia è Nicoletta Bertorelli, classe quinta D del Liceo scientifico Gobetti di Torino, che fin dalla maturità, nel ''79-''80, non ha mai perso i contatti con il suo ex insegnante, che si è trasferito nella città veneta dopo la pensione. "Abbiamo notato che da dicembre non postava più nulla" spiega. Così è partita la ricerca, sapendolo solo. Bertorelli ha allertato gli ex compagni e dopo cinque giorni di ricerche vane finalmente è arrivata la conferma che l'anziano si trovava in una struttura sanitaria. Quando gli ex alunni lo hanno contattato, l'ex prof ha manifestato una sola urgenza: "prendete voi i miei libri, recuperate le mie lettere". "Nella sua casa ha catalogato l'intero suo epistolario - sottolinea l'ex alunna, oggi docente romana di filosofia - .Tra i volumi di Gramsci e Nietzsche stampava e archiviava anche ogni nostra email". Bertorelli si è precipitata a Vicenza per assisterlo. "Ho mollato tutto e sono partita - rivela - .Tutti i compagni si sono attivati e gli hanno scritto". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: la Camera approva gli aiuti all'Ucraina per 61 miliardi di dollari

Gaza: Erdoğan incontra Ismail Haniyeh e il ministro degli Esteri egiziano a Istanbul

Migranti, i Paesi europei del Mediterraneo chiedono cooperazione e nuovi fondi