Meteo: nel weekend maltempo al sud e sole al centro-nord

Persiste il ciclone dai connotati simil-tropicali
Persiste il ciclone dai connotati simil-tropicali
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 03 MAR - Maltempo al sud per altre 36-48 ore mentre al nord tornerà a splendere il sole. Il primo fine settimana di marzo avrà, secondo Antonio Sanò, fondatore del sito www.iLMeteo.it, due volti per via del ciclone dai connotati simil-tropicali che sta interessando da numerosi giorni gran parte dell'Italia. Una situazione che non esclude l'inizio del caldo africano tra 60 giorni circa. Le zone più colpite dal brutto tempo saranno quelle tra le Isole Maggiori ed il versante ionico, con possibili nubifragi in risalita dal Nord Africa. Nel frattempo al Centro-Nord il cielo sarà sereno o poco nuvoloso tranne addensamenti il sabato tra Marche, Abruzzo e Molise e la domenica tra Liguria di Levante ed Alta Toscana. Nel dettaglio: - Venerdì 3. Al nord: bel tempo. Al centro: nubi e locali rovesci, migliorerà solo in serata. Al sud: instabile con frequenti acquazzoni, anche intensi, e neve sui rilievi oltre i 1000 metri. - Sabato 4. Al nord: bel tempo. Al centro: ultimi rovesci sulle adriatiche, soleggiato altrove. Al sud: piogge sparse con locali temporali forti e neve sopra i 1200 metri. - Domenica 5. Al nord: soleggiato, poi nubi in parziale aumento. Al centro: soleggiato. Al sud: instabile solo sul basso Tirreno. Tendenza. Nuova settimana all'insegna della variabilità con tanto vento da Ovest e piogge sparse, specie al Centro-Sud. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: la Camera approva gli aiuti all'Ucraina per 61 miliardi di dollari

Gaza: Erdoğan incontra Ismail Haniyeh e il ministro degli Esteri egiziano a Istanbul

Migranti, i Paesi europei del Mediterraneo chiedono cooperazione e nuovi fondi