Scritte no vax, sette indagati per associazione a delinquere

Inchiesta della Procura di Bologna sul gruppo 'Guerrieri vivi'
Inchiesta della Procura di Bologna sul gruppo 'Guerrieri vivi'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 02 MAR - Sono accusati di associazione a delinquere, oltre che di danneggiamento e imbrattamento, sette attivisti di area 'no vax' indagati a Bologna in una inchiesta condotta dalla Digos e coordinata dal procuratore capo Giuseppe Amato e dal sostituto Antonello Gustapane. Per mesi hanno preso di mira uffici pubblici, scuole e sedi di sindacati con raid vandalici nei quali sono state tracciate scritte su tematiche no vax e con riferimenti a nazismo sanitario, instaurazione di un nuovo ordine mondiale, intelligenze artificiali. Si tratta di due uomini, di 37 e 39 anni, e cinque donne, di età compresa tra i 30 e i 59 anni, residenti fra Bologna e altre città del centro-nord, ritenuti parte di una struttura associativa denominata 'Guerrieri vivi', conosciuti per il simbolo (ispirato al film V per vendetta) della doppia "V" racchiusa in un cerchio di colore rosso. Ieri gli agenti della Digos hanno eseguito quattro perquisizioni domiciliari a carico di alcuni degli indagati e in un locale nella periferia bolognese che era la base logistica del gruppo, sequestrando secchi di vernice rossa, estintori, torce, walkie talkie, bodycamera e droni. Trovati anche capi di abbigliamento, tute, scarpe, giacche con simboli dei 'Guerrieri vivi', striscioni e manifesti con scritte no vax e riferimenti al nazismo, zaini già pronti con dentro estintori, bombolette di vernice, megafoni, fionde e balestre. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Artico, dove le renne contrastano i cambiamenti climatici

Olimpiadi, rubata su un treno a Parigi una borsa con dettagli sulla sicurezza dei Giochi

Dolph Lundgren, Lindsay Lohan, Brian Baumgartner...le celebrità statunitensi "involontariamente coinvolte" nella disinformazione in Moldavia