8 marzo: ragazze da Nigeria racconteranno a Papa violenze subite

Iniziativa Acs, saranno ricevute anche dalla premier Meloni
Iniziativa Acs, saranno ricevute anche dalla premier Meloni
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CITTÀ DEL VATICANO, 28 FEB - In occasione della Festa della Donna del prossimo 8 marzo, Aiuto alla Chiesa che Soffre ha invitato in Italia due cristiane nigeriane, Maria Joseph (19 anni) e Janada Marcus (22 anni), "vittime nel recente passato della ferocia dei terroristi di Boko Haram, gruppo responsabile della morte di oltre 75.000 nigeriani negli ultimi 13 anni". Entrambe le vittime sono state accolte dai sacerdoti e dagli specialisti del Trauma Center di Maiduguri, capitale dello Stato del Borno, nel nord-est della Nigeria. Il Centro è gestito dalla diocesi locale ed è stato costruito con l'aiuto dei benefattori di Aiuto alla Chiesa che Soffre. Nella struttura le vittime della violenza degli estremisti vengono curate da un team di professionisti. Scopo dell'iniziativa di Acs, dal titolo "8 marzo, ascolta anche le loro grida", è far giungere la loro drammatica testimonianza alle istituzioni e all'opinione pubblica italiane. Maria Joseph e Janada Marcus saranno salutate da Papa Francesco al termine dell'udienza generale di mercoledì 8 marzo. Le due ragazze saranno ricevute dal Presidente della Camera Lorenzo Fontana, dalla Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e dal ministro degli Affari Esteri Antonio Tajani. Il 9 e il 10 marzo Maria e Janada saranno ricevute dal card. Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano, e da numerosi diplomatici accreditati presso la Santa Sede. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Meloni incontra Biden alla Casa Bianca: il punto sugli aiuti a Gaza, Chico Forti torna in Italia

Ue chiede indagine su strage di civili in fila per il pane a Gaza, Hamas: 7 ostaggi morti nei raid

Ue, 150 milioni di euro a Unrwa: continuano indagini sui presunti legami tra l'agenzia Onu e Hamas