Perquisita a Roma la sede di "No Peace Without Justice"

Perquisizione anche in abitazione della tesoriera Antonella Casu
Perquisizione anche in abitazione della tesoriera Antonella Casu
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 21 FEB - Perquisizioni nella sede di "No Peace Without Justice", di cui è segretario generale Niccolò Figà-Talamanca, e nell'abitazione della tesoriera dell'associazione Antonella Casu, a Roma, sono state eseguite dalla procura di Milano in base ad un ordine di investigazione europea della magistratura di Bruxelles nell'ambito del Qatargate. Antonella Casu è stata anche interrogata assistita da un avvocato. Le perquisizioni sono state eseguite dalla Gdf di Milano dell'aliquota di polizia giudiziaria e dagli investigatori belgi nella sede della associazione che fu fondata nel 1993 da Emma Bonino che si è dimessa dopo che è venuto a galla lo scandalo in cui lei non è coinvolta. Figà-Talamanca, che si è autosospeso dalla carica di segretario generale, era invece stato arrestato dal Belgio e poi rilasciato. In base all'ordine di Investigazione europeo firmato lo scorso dicembre dal giudice Michel Claise, è stata perquisita anche la tesoriera Casu, poi interrogata con le garanzie, quindi con l'assistenza di un legale, in quanto pure lei è nel mirino della magistratura di Bruxelles. L'attività di oggi è l'ultima indicata nell'Oie inoltrato dal Belgio alla Procura di Milano. Intanto, entro fine mese, è atteso un vertice tra gli inquirenti milanesi e quelli belgi, i cui esiti potrebbero portare all'apertura di un fascicolo autonomo nel capoluogo lombardo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Grecia accoglie i turisti turchi: potranno visitare dieci isole greche con un visto rapido

Scuole sotterranee in Ucraina: a Kharkiv bunker per le lezioni

La madre di Navalny denuncia le autorità russe: "Datemi la salma di mio figlio"