Bimba ferita con spray, 'da madre violenza impressionante'

La madre in carcere da 20 giorni. Verso consulenza psichiatrica
La madre in carcere da 20 giorni. Verso consulenza psichiatrica
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 20 FEB - La donna ha mostrato una "inquietante personalità" e una "impressionante capacità di violenza", rimanendo persino "insensibile" di fronte "alle reiterate e sempre più forti urla di dolore della figlia". Lo scrive il Tribunale del Riesame di Milano nel provvedimento con cui ha confermato la custodia cautelare in carcere per la 27enne arrestata il 3 febbraio scorso per maltrattamenti aggravati sulla bimba di soli 17 mesi. Stando alle indagini della Squadra mobile e del pm Pasquale Addesso, la giovane spruzzava dello spray deodorante a distanza ravvicinata provocando lesioni e ustioni sulla pelle della piccola. La bimba negli ultimi 6 mesi era stata ricoverata in tre ospedali, tra Varese e Pavia, e poi al Policlinico di Milano dove i medici si sono accorti che quelle lesioni potevano essere state causate dalla madre. Gli investigatori a quel punto hanno piazzato delle microcamere che hanno registrato i momenti in cui la donna causava quelle ferite alla bimba. Ed è scattato l'arresto. Respingendo anche la richiesta di arresti domiciliari in un luogo di cura, avanzata dal legale Vincenzo Sparaco, i giudici (Pendino-Cucciniello-Alonge) nell'ordinanza di 12 pagine fanno anche riferimento al fatto che le indagini non sono affatto concluse e che "appare comunque fondatamente ipotizzabile che analoghi episodi" ai danni della bimba "si siano verificati con una certa costanza sin dai primi mesi di vita della minore". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 28 febbraio - Pomeridiane

Morte Alexei Navalny: i funerali si terranno il 1° marzo a Mosca

Francia, fa discutere il trasferimento di 195 migranti da Mayotte a un castello alle porte di Parigi