EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Zelensky: "Bakhmut è la nostra fortezza". Incontro con Israele e in video al Festival di Berlino

Volodymyr Zelensky al telefono con il presidente dell'Azerbaigian, Ilham Aliyev.
Volodymyr Zelensky al telefono con il presidente dell'Azerbaigian, Ilham Aliyev. Diritti d'autore Telegram
Diritti d'autore Telegram
Di Cristiano TassinariEuronews World
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente ucraino Zelensky ha ammesso che la situazione in direzione di Bakhmut è al momento la più "calda", ma che le truppe ucraine combattono e resistono. Sostegno confermato dalla Svezia, ma con un occhio al bilancio. Primo incontro con un esponente del governo israeliano

PUBBLICITÀ

358° giorno di guerra.

Nella notte, nella città di Pokrovsk, nella regione di Donetsk, tre civili sono rimasti uccisi e 11 persone ferite, in seguito a bombardamenti russi su un condominio di cinque piani.

Una vittima (una donna di 79 anni) e sette feriti anche a Pavlograd, sempre nella regione di Donetsk. 

Allarme aereo a Odessa e Kherson e molte altre regioni ucraine. Segnalate esplosioni a Zaporizhzhia e nelle regione di Dnipropetrovsk. 

E si continua a combattere a Bakhmut. 
Il presidente Volodymyr Zelensky ha definito Bakhmut "la nostra fortezza" (secondo il quotidiano Kyiv Indipendent, il gruppo Wagner e le truppe russe stanno perdendo fino all'80% delle unità d'assalto presenti attorno a Bakhmut), ma i civili, nella vicina città di Chasiv Yar, stanno fuggendo. 

Telegram
In fuga dalla guerra.Telegram

In fuga da Chasiv Yar

Un mini bus sta raccogliendo coloro che vogliono partire.

Lubov, una anziana residente di Chasiv Yar: 
"I bombardamenti mi fanno paura, dobbiamo andarcene. Voglio vedere mia nipote, che vive dove stiamo andando, a Leopoli. Speriamo che l'esercito ucraino combatta per noi e sconfigga i russi. E poi torneremo sicuramente".

In realtà, anche la regione di Leopoli - pur lontana dal confine russo - non è sicura al 100%: la notte scorsa i bombardamenti russi hanno colpito e danneggiato numerose infrastrutture critiche. 

Telegram
Bakhmut non si arrende.Telegram

La Svezia mette un freno

Mercoledì, il primo ministro svedese Ulf Kristersson era in visita a Kiev per offrire sostegno all'Ucraina, ma ha avvertito che i futuri aiuti militari dovranno essere bilanciati con le esigenze di difesa della Svezia.

Subito dopo, il presidente Zelensky ha ammesso che la situazione in direzione di Bakhmut è al momento la più "calda", ma che le truppe ucraine combattono e resistono.

Zelensky: tra Israele e Berlino

Oggi il presidente ucraino riceverà la visita del ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen. Si tratta della prima visita di un esponente politico israeliano in Ucraina dall'inizio della guerra. Cohen dovrebbe annunciare la riapertura dell'Ambasciata di Israele a Kiev. 

Stasera, Zelensky apparirà in video al Festival del Cinema di Berlino (Germania). Il suo messaggio sarà tramsesso dopo un'introduzione sul palco del regista e attore americano Sean Penn

Telegram
Per le strade dell'Ucraina.Telegram
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Moldova, la Nato pronta ad alzare le difese

Ucraina: la battaglia per Bakhmut e l'offensiva di primavera

Ucraina, Borrell: "Mantenere la coesione dell'Ue non è stato facile"