EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Gölbaşı: l'ospedale da campo francese che cura i feriti del terremoto

L'ospedale da campo di Golbasi.
L'ospedale da campo di Golbasi. Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Cristiano TassinariEuronews World
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un ospedale da campo allestito da medici e soccorritori francesi, nella città di Golbasi, per curare i feriti in un Paese con un sistema sanitario completamente sopraffatto dall'emergenza-terremoto

PUBBLICITÀ

È un'oasi di speranza per una Turchia gravemente ferita.

Un ospedale da campo allestito da medici e soccorritori francesi, nella città di Gölbaşı, non lontano da Ankara, per curare i feriti in un Paese con un sistema sanitario completamente sopraffatto dall'emergenza. 

Feriti come Osman Yuzubuyuk, che è stato sorpreso dal terremoto del 6 febbraio scorso mentre era in un bar.  

"Volevo scappare, ma ho sbattuto contro il muro, poi ho colpito un altro muro e una finestra e allora ho deciso di buttarmi fuori dalla finestra. Per salvarmi la vita".
Osman Yuzubuyuk
Sopravvissuto al terremoto
Screenshot AFP
"Mi sono buttato dalla finestra"...Screenshot AFP

Non solo i terremotati

Il flusso di pazienti è costante e il servizio di assistenza non si limita ai terremotati.

La dottoressa Isabelle Arnaud è il primario dell'ospedale da campo:
"Ci prendiamo cura dei pazienti con postumi del terremoto e dei pazienti che hanno esaurito le medicine. Gestiamo sia la fase di emergenza del disastro che quella più ambulatoriale, di monitoraggio e controllo, comunque impegnativa".

Screenshot AFP
Medici al lavoro: la dottoressa Arnaud è la prima a destra.Screenshot AFP

Legami profondi

Medici e soccorritori volontari lavorano 24 ore su 24 per aiutare la popolazione locale, con la quale alcuni di loro hanno legami profondi. 
Come Abdul, militare e vigile del fuoco di Marsiglia: 
"Dato che sono nato in Turchia, ma sono un soldato francese con nazionalità francese, come francese sono orgoglioso che la Francia possa aiutare il mio Paese natale".

Screenshot AFP
"Sono orgoglioso di essere turco e francese".Screenshot AFP

L'aiuto fornito dall'ospedale da campo è fondamentale per i pazienti, poiché i sistemi sanitari sono completamente in tilt di fronte a un terremoto che in Turchia ha provocato oltre 35.000 morti e oltre 105.000 feriti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia e Siria: ritrovato il corpo del calciatore Christian Atsu. Arrestati imprenditori edili

Terremoto. Le Ong in Siria: "Ritardi negli aiuti alle zone ribelli"

Mitsotakis e Erdogan ad Ankara: continuano i colloqui per normalizzare i rapporti tra i Paesi