EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Casamicciola: detriti della frana per la messa in sicurezza

Nuova ordinanza del commissario Legnini
Nuova ordinanza del commissario Legnini
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 15 FEB - Riutilizzare i detriti della frana di Casamicciola per metterla in sicurezza, nell'ottica dell'economia circolare: è questo il senso dell'ultima ordinanza emessa dal commissario all'emergenza frana Giovanni Legnini che ha stabilito che massi e tronchi trascinati a valle dal fiume di fango provocato dalla alluvione potranno diventare materiale utile per la tutela del territorio o, nel caso del legno, anche per il riscaldamento delle abitazioni. I detriti franosi saranno ceduti gratuitamente ai cittadini di Casamicciola, con priorità per quelli che hanno subito danni dalla frana o dal sisma dell'agosto del 2017; l'obiettivo è quello di un riutilizzo virtuoso come ad esempio il ripristino, l'ampliamento o la realizzazione di muri a secco (le cosiddette "parracine") che fungano da protezione dai fenomeni franosi ed alluvionali ed utili, quindi, alla mitigazione del rischio idraulico ed idrogeologico, ma anche l'utilizzo per usi ornamentali o rifinitura, quali pareti in pietra a vista, stradelli di accesso, giardini pubblici. Nel provvedimento emesso oggi Legnini si è occupato anche di altre due problematiche scaturite dalla alluvione, in primis lo smaltimento delle molte migliaia di tonnellate di fango che hanno invaso case, strade e piazze di Casamicciola. Nell'archivio del comune isolano è stato reperito un progetto del 2013 che prevedeva il completamento del porto turistico con una colmata a mare da realizzarsi davanti al complesso del Pio Monte della Misericordia e per la quale potrebbe essere utilizzata proprio l'enorme quantità di terreno franato a valle. Il progetto di completamento del porto turistico sarà sottoposto all'esame di una specifica conferenza di servizi. L'ordinanza, inoltre, istituisce un tavolo tecnico permanente con le società di distribuzione e riallaccio di energia elettrica e degli altri servizi pubblici a rete e per ripristinare i servizi di illuminazione, e infine nomina in qualità di soggetto attuatore la Città metropolitana di Napoli per la rapida predisposizione del solo progetto definitivo per le opere di messa in sicurezza del costone in frana prospicente la SS 270, riservando la decisione di attuazione degli interventi alla struttura commissariale. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Commissario Ue Varhelyi su premier Georgia: mie parole prese fuori da contesto

Le notizie del giorno | 24 maggio - Pomeridiane

L'Europa che voglio: politiche economiche, cosa farei da europarlamentare