Terremoto in Turchia e Siria, OMS: "23 milioni di persone colpite". Aiuti umanitari da 40 Paesi

Distribuzione di aiuti ad Antiochia (Turchia), 8 febbraio 2023.
Distribuzione di aiuti ad Antiochia (Turchia), 8 febbraio 2023. Diritti d'autore Khalil Hamra/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews World - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"Stiamo ancora scoprendo l'entità del danno. Ci sarà bisogno di ricostruzione, sistemazione, sostegno alle strutture sanitarie: e tutto questo sarà a lungo termine", spiegano Croce Rossa e Mezzaluna Rossa

PUBBLICITÀ

In tutto il mondo si stanno organizzando aiuti internazionali per sostenere le vittime dei terremoti in Turchia e in Siria.

La Turchia ha ricevuto aiuti da circa 40 Paesi

Finora Ankara ha ottenuto il sostegno di circa 40 Paesi, compresi gli aiuti dell'Unione europea, che ha mobilitato 1.185 soccorritori e 79 cani da ricerca, da inviare in Turchia, attraverso il suo Meccanismo di Protezione Civile.

Le prime squadre sono già arrivate sul posto, ha dichiarato Janez Lenarčič, 55 anni, sloveno, attuale Commissario europeo incaricato della gestione delle crisi.

Gli Stati Uniti hanno annunciato l'arrivo in Turchia, mercoledì, di due squadre di soccorritori.

Da parte sua, la Cina ha accennato all'invio di aiuti per 5,9 milioni di dollari, oltre a soccorritori specializzati nelle aree urbane, squadre mediche e attrezzature di emergenza.

Anche l'Ucraina, nonostante la guerra in corso, ha annunciato l'invio di 87 soccorritori in Turchia, mentre il presidente russo Vladimir Putin ha assicurato il suo appoggio alle controparti turche e siriane.

Da parte loro, gli Emirati Arabi Uniti hanno promesso aiuti per 100 milioni di dollari e l'Arabia Saudita, che non ha relazioni con il regime di Damasco dal 2012, ha annunciato l'istituzione di un ponte aereo per assistere le popolazioni colpite in entrambi i Paesi.

Hussein Malla/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Kahramanmaras, 8 febbraio 2023.Hussein Malla/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

Priorità alla ricerca dei sopravvissuti e alla gestione dei senzatetto

A più di 72 ore dal sisma, il bilancio delle vittime supera già quota 16.000, ma si temono migliaia di altre vittime negli edifici crollati.

I soccorritori stanno intensificando gli sforzi per trovare i sopravvissuti tra le macerie, curare i feriti e prendersi cura dei tanti senzatetto minacciati dal gelo.
"Ci sono molte persone per strada che hanno bisogno di alloggi e supporto di emergenza", ha dichiarato Benoit Carpentier, responsabile della comunicazione presso la Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC).
 "I nostri team in Turchia hanno organizzato la logistica per fornire pasti caldi e distribuire coperte. Le persone sono affamate e hanno paura".

Screenshot
Benoit Carpentier: "Stiamo facendo tutto il possibile".Screenshot

Molti ostacoli in Siria

Nel nord della Siria gli aiuti sono ancora più complicati, dopo anni di guerra civile che hanno indebolito le infrastrutture sanitarie e stradali. 

"Abbiamo ricevuto segnalazioni di strutture sanitarie che sono state danneggiate su entrambi i lati del confine, quindi ci sarà un problema di accesso alle cure, a maggior ragione in Siria, visto che la base era già molto più fragile", spiega Carpentier.

Inoltre, le sanzioni che colpiscono il regime di Bashar al-Assad costituiscono un ulteriore ostacolo agli aiuti umanitari: “Chiaramente le sanzioni limitano la possibilità di offrire alle popolazioni la migliore assistenza possibile”, prosegue Benoit Carpentier.

La lettera di Assad all'Onu

Lo stesso Assad, insieme a tutto il suo governo, ha inviato una lettera al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, chiedendo il sostegno di tutti i paesi dell'ONU, allegando una lista dei materiali di prima necessità che servono in Siria in questo momento di emergenza. 

Ahmet Akpolat/DIA
Distruzione a Kahramanmaras (Turchia), 8 febbraio 2023.Ahmet Akpolat/DIA

"Ci sarà bisogno di tutto, a lungo termine"

Dopo la fase di estrema emergenza verrà la fase di ricostruzione.
Le ONG stanno aumentando le richieste di donazioni per sostenere le regioni colpite dal terremoto.

"Stiamo ancora scoprendo l'entità del danno. Ci sarà bisogno di ricostruzione, sistemazione, sostegno alle strutture sanitarie: e tutto questo sarà a lungo termine", conclude Benoit Carpentier, responsabile della comunicazione presso la Federazione internazionale delle società diCroce Rossa e Mezzaluna Rossa.

"23 milioni di persone colpite"

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), circa 23 milioni di persone potrebbero essere colpite - anche indirettamente - dai terremoti che hanno scosso la Turchia sudorientale e la Siria settentrionale. Tra questi, "5 milioni di persone vulnerabili".

Risorse addizionali per questo articolo • EURONEWS FRANCE

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La maratona diplomatica di Blinken: in visita in Turchia (ma Erdoğan non c'è)

Gaza-Israele, Iran e Turchia premono per un cessate il fuoco immediato

Israele-Turchia, gravissima crisi diplomatica